in

Un nuovo libro descrive gli ultimi giorni e l’eredità di Sergio Marchionne

Nel nuovo libro “Sergio Marchionne” di Tommaso Ebhardt, reporter di lunga data di Bloomberg, emergono retroscena della morte improvvisa dell’ex CEO di FCA

Sergio Marchionne

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, l’estate scorsa non sarebbe stato informato tempestivamente sulla salute di Sergio Marchionne gravemente malato, poche settimane prima che il CEO morisse, lasciando un enorme vuoto di leadership in cima alla casa automobilistica. Questo è quanto emerge da un nuovo libro, “Sergio Marchionne” di Tommaso Ebhardt, reporter di lunga data di Bloomberg pubblicato in Italia.

Ad Elkann, alla sua prima visita a Marchionne in un ospedale di Zurigo, era stato negato l’ingresso nell’unità di terapia intensiva perché i medici dicevano che ciò avrebbe violato la privacy del paziente. Quando Elkann visitò l’ospedale tre giorni dopo, il 20 luglio, incontrò la compagna di Sergio Marchionne, Manuela Battezzato. “E, dopo aver parlato con lei, Elkann è giunto alla conclusione che il suo CEO non sarebbe mai più tornato”, secondo un estratto del libro pubblicato da Bloomberg Businessweek sul suo sito web.

L’estratto offre numerosi dettagli interessanti sull’eredità di Marchionne alla casa automobilistica e sul vuoto che lasciò quando morì il 25 luglio. “Sebbene la natura esatta della sua malattia non sia stata ufficialmente rilasciata, Sergio Marchionne sapeva di essere gravemente malato un anno prima di morire”, dice il libro. “Nelle settimane precedenti è improvvisamente svanito nell’ospedale di Zurigo. In precedenza era apparso pallido, gonfio e debole anche mentre lavorava con i telefoni cellulari, gestendo il suo impero automobilistico. Tutto fino a quando Marchionne non è entrato in chirurgia il 28 giugno.

“Solo Battezzato e i suoi parenti più stretti sapevano che sarebbe stato ricoverato in ospedale. Tutti gli altri, incluso Elkann, che è azionista di maggioranza in FCA sono stati lasciato all’oscuro. ” Elkann aveva lavorato con Marchionne per i piani di successione della casa automobilistica, ma a partire dal 20 luglio sapeva che avrebbe dovuto prendere una decisione senza Marchionne. Il direttore del CFO Richard Palmer e il capo della Jeep, Mike Manley, sono emersi tra le prime scelte e, secondo il libro, Palmer “si è tirato fuori dalla gara mentre Manley ha confermato che voleva il lavoro”.

Hai le notifiche bloccate!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento