in

Fiat 600: ecco l’ipotesi moderna dell’icona del boom economico italiano

Design ispirato alla Fiat 500 e versione Abarth

Fiat 600 moderna render

La Fiat 600 è stata un’auto prodotta dal marchio italiano fra il 1955 e il 1969, praticamente il periodo del boom economico in Italia. Infatti, la 600 viene considerata da tutti l’icona del boom economico italiano.

Dopo aver realizzato alcune vetture Fiat in chiave moderna (127 e 500 Spider e Coupé), lo stesso David Obendorfer ha deciso di ipotizzare anche la nuova generazione dell’iconica Fiat 600 realizzando alcuni render davvero interessanti.

Fiat 600 moderna render

Fiat 600: David Obendorfer immagina la nuova generazione dell’iconica vettura

Dalle immagini è possibile vedere chiaramente come la vettura in chiave moderna abbia assunto il ruolo di successore diretto della Punto ormai uscita di produzione della gamma dello storico brand di Torino.

Abbiamo di fronte, quindi, un veicolo appartenente al segmento B, con 5 porte e una lunghezza di poco superiore ai 4 metri. David Obendorfer, inoltre, immagina la moderna Fiat 600 in più versioni, fra cui quella Abarth.

Fiat 600 moderna render

A livello estetico, notiamo alcuni tratti che richiamano senza dubbio quelli dell’attuale 500. Tuttavia, abbiamo dei gruppi ottici di diversa configurazione. Sulla parte anteriore notiamo anche la presenza di una griglia a nido d’ape e 3 barre argentate che affiancano il logo Abarth o Fiat, a seconda della versione.

Il designer, infine, immagina la nuova Fiat 600 in diverse colorazioni. Ad esempio, il modello Abarth viene proposta nelle colorazioni bianca e nera.

Fiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna renderFiat 600 moderna render

Hai le notifiche bloccate!!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento