in

Ferrari rischia di sovraccaricare Binotto di responsabilità secondo Berger

Gerhard Berger teme che Binotto sia troppo solo in Ferrari e abbia troppe responsabilità su di se

Mattia Binotto Ferrari
Mattia Binotto Ferrari

Binotto, ex direttore tecnico della Ferrari, è stato promosso alla guida della Scuderia del cavallino rampante all’inizio del 2019, sostituendo Maurizio Arrivabene. Mentre la Ferrari è stata considerata come la favorita per il campionato dopo i test pre-stagionali, non è riuscita a vincere nessuno dei primi tre Gran Premi della stagione, che sono stati tutti vinti dalla Mercedes. Berger, che ha vinto cinque Gran Premi per la Ferrari durante i suoi due stint a Maranello nel 1987-89 e nel 1993-95, ha contrapposto la struttura della squadra di Maranello con quella di Mercedes e Red Bull.

L’austriaco ha dichiarato: “La solita cosa che accade con la Ferrari è che una singola persona si assume ogni responsabilità. Nelle altre squadre non accade lo stesso. Ad esempio quando guardi la Red Bull, vedi il genio di Adrian Newey, l’abile boss Christian Horner, senza dimenticare Helmut Marko. Se invece guardi a Mercedes, ci sono Toto Wolff, Andy Cowell e Niki Lauda, che sfortunatamente non è qui ora ma sta recuperando. “Alla Ferrari vedi solo Binotto. Non so se questo è abbastanza. “Penso che Binotto sia un grande tecnico. Ma è importante che non usi troppo tempo per le questioni politiche o per qualsiasi altra cosa, e non abbia tempo per la cosa principale e cioè le questioni tecniche”. 

Berger ha anche sottolineato che la Ferrari ha assicurato che la responsabilità fosse estesa a un certo numero di persone durante il periodo di massimo splendore degli anni ’90 / primi anni 2000 con Michael Schumacher. Sia Ross Brawn che Rory Byrne si sono trasferiti nella squadra italiana dalla Benetton un anno dopo la partenza di Schumacher alla fine del 1995, la coppia di tecnici lavorava sotto il capo del team Jean Todt. 

Hai le notifiche bloccate!!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento