in

Jeep: il marchio americano trasformerà il futuro di Fiat Chrysler

Il marchio Jeep diventa sempre più importante per il futuro di Fiat Chrysler nel mondo dei motori

Jeep Cherokee

L’industria automobilistica di Detroit sta subendo un cambiamento storico, in quanto General Motors e Ford scommettono sul futuro della mobilità con audaci investimenti in veicoli elettrici ed autonomi. Ma forse il cambiamento più radicale a Detroit arriva da Fiat Chrysler Automobiles. All’interno del gruppo italo americano infatti sta emergendo un nuovo mega-marchio Jeep che sta aiutando l’azienda a diventare finalmente redditizia. 

Tradizionalmente la più fragile delle case automobilistiche americane, l’azienda, ora di proprietà italiana, ha avuto bisogno di aiuti dal governo degli Stati Uniti due volte negli ultimi 40 anni in quanto i suoi marchi Chrysler e Dodge hanno faticato a rimanere a galla in un mercato assediato da importazioni giapponesi più economiche e affidabili. Ciò è cambiato drasticamente in questo ultimo decennio quando Jeep è emersa mentre Chrysler e Dodge sono diventati marchi di nicchia. In effetti, Jeep era il distintivo che ha dato il via alla rivoluzione SUV tre decenni fa. Oggi Jeep non è solo considerato il marchio di Suv preminente ma è anche uno dei marchi più riconosciuti al mondo.

“La lungimiranza che il gruppo dirigente ha avuto cinque o sei anni fa è stata geniale”, afferma Scott Tallon, capo di Jeep in Nord America. “Era il momento giusto per prendere quelle decisioni e farle sviluppare, e siamo stati molto fortunati. ” Significativamente, questo brand è stato al centro degli sforzi di espansione di Fiat Chrysler a differenza di altri gruppi che invece puntano sulla guida autonoma o sull’elettrificazione.

Il CEO di Fiat Chrysler, Mike Manley, afferma che Jeep è impegnata a offrire funzioni autonome ed elettriche nei suoi veicoli entro il 2021, ma questo non porterà a nuovi marchi e piattaforme come invece avverrà con GM (GM Cruise / nuova piattaforma EV). Manley sembra invece contento di collaborare con altre aziende (Waymo) sull’autonomia offrendo al contempo ibridi su piattaforme esistenti alimentate a gasolio.

Mentre Chevrolet e Ford riducono la loro presenza sul mercato eliminando le berline e chiudendo fabbriche, Jeep si sta attualmente espandendo in due nuovi segmenti ad alto volume e costruendo una nuova fabbrica a Detroit. Questa primavera, Jeep entrerà nel mercato dei pickup di medie dimensioni con il Gladiator, un formidabile pick up basato sull’iconico Wrangler SUV, ma con notevoli capacità di carico e di traino. Inoltre, Jeep si scontrerà presto contro i suoi rivali di Detroit nel super mercato dei SUV a tre file con Wagoneer e Grand Wagoneer.

FCA

Questo continua la rapida trasformazione di Jeep nel marchio di volumi di Fiat Chrysler con vendite di quasi 1 milione di unità nel 2018, rispetto a solo 441.000 di 15 anni fa. A livello internazionale, le vendite di Jeep sono salite a oltre 1,5 milioni. Il CEO di FCA, ed ex capo della Jeep, Mike Manley è fiducioso sulla posizione di Jeep. La crescita del marchio americano in Europa è talmente rapida che questa settimana ha annunciato un accordo con Tesla per compensare le emissioni delle sue vendite. “La nostra chiara missione è quella di essere un marchio SUV full-line e di espanderci in segmenti in cui ciò ha senso per Jeep”, afferma Tallon. “E i pickup sono un’estensione naturale.”

L’analista veterano di Wall Street, Joe Philippi, di Auto Trends Consulting, afferma che il cielo è il limite per Jeep, dato il suo raro status di marchio che attira sia gli acquirenti tradizionali che quelli premium. “FCA sta appena iniziando a sfruttare il marchio Jeep”, afferma. “L’Ex CEO Sergio Marchionne e Manley hanno lavorato dietro le quinte per spingere l’organizzazione ad ampliare il portafoglio di Jeep. Sergio ha sempre avuto un debole nel suo cuore per Jeep. Ha capito quelle che erano le potenzialità del marchio.”