in

Ferrari: secondo Leo Turrini avrebbe trovato una soluzione ai problemi emersi in Australia

Leo Turrini ha dichiarato che Ferrari avrebbe risolto il problema di Melbourne che ha impedito alle sue monoposto di essere competitive

Ferrari SF90

Leo Turrini, che è notoriamente molto vicino al mondo della Ferrari, ha dichiarato che la squadra del cavallino rampante avrebbe risolto il problema di Melbourne che ha impedito alle monoposto del team di Maranello di essere competitive. L’insider ha avuto ragione su un certo numero di cose nel 2018. Ad esempio, è stato il primo a rivelare che Kimi Raikkonen sarebbe tornato alla Sauber (ora Alfa Romeo). Questa volta, afferma che il team di Maranello ha individuato e risolto il problema della scorsa settimana a Melbourne.

Ferrari è stata data per favorita nello scorso week end per la vittoria dopo l’impressionante esibizione a Barcellona nei test invernali. In Spagna la scuderia del cavallino rampante aveva mostrato di avere l’auto più veloce. A Melbourne, però, Mercedes ha improvvisamente superato il team italiano in tutte le classifiche. Nelle qualifiche, Lewis Hamilton ha dato quasi un secondo a Sebastian Vettel.

Ora, dopo un’intera settimana trascorsa dal gran premio, Turrini riferisce che la casa italiana pensa di aver trovato il problema. “Dicono a Maranello che hanno capito”, ha scritto Turrini sul suo blog riguardo ai problemi in Australia. “Quindi Mattia Binotto è ancora impegnato a prepararsi per la gara nel deserto: qual è stato esattamente il problema in Australia, non lo so. Quello che so è che Binotto sembra rilassato.”