in

Fiat Chrysler richiama in USA più di 800.000 veicoli che non soddisfano gli standard sulle emissioni

Il gruppo italo americano richiamerà più di 800.000 veicoli che non soddisfano gli standard sulle emissioni degli Stati Uniti

Fiat Chrysler

Le azioni di Fiat Chrysler sono crollate mercoledì dopo che la casa automobilistica ha detto che richiamerà più di 800.000 veicoli che non soddisfano gli standard sulle emissioni degli Stati Uniti. L’Agenzia per la protezione dell’ambiente ha confermato il richiamo e ha affermato che è il risultato di “inchieste sulle emissioni in uso condotte dall’EPA e test in uso condotti da FCA come richiesto dai regolamenti EPA”. I veicoli interessati includono alcune unità prodotte dal 2011 al 2016 del crossover Dodge Journey, le berline Chrysler 200 e Dodge Avenger degli anni 2011-2014, i SUV Jeep Compass 2011-2016 e le berline Dodge Caliber 2011-2012.

L’EPA ha detto alla Reuters che continuerà a indagare su altri veicoli di Fiat Chrysler che sono potenzialmente non conformi e potrebbero essere oggetto di richiami futuri. Fiat Chrysler non ha immediatamente commentato. “L’EPA accoglie favorevolmente l’azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariamente i suoi veicoli che non soddisfano gli standard sulle emissioni degli Stati Uniti”, ha detto in un comunicato l’amministratore dell’EPA Andrew Wheeler. “Forniremo assistenza ai consumatori interessati dal richiamo e continueremo a garantire che i costruttori di automobili rispettino le leggi della nostra nazione progettate per proteggere la salute umana e l’ambiente”.

I proprietari dei veicoli di Fiat Chrysler possono continuare a guidare i loro veicoli, ha detto il governo. A causa del “gran numero di veicoli coinvolti e della necessità di fornire componenti di ricambio, specificamente al convertitore catalitico del veicolo, questo richiamo verrà implementato in varie fasi durante il 2019”, ha affermato l’EPA.