in

Fiat: cambiano i piani rispetto all’era Marchionne

Cambio di strategia per il marchio Fiat in Europa, che dovrà garantire con le sue auto elettriche il rispetto delle regole sulle emissioni per FCA

Fiat Centoventi Mike Manley

Al Salone dell’auto di Ginevra 2019 si è compreso che i piani del gruppo FCA per il marchio Fiat sono cambiati rispetto all’epoca Marchionne. A differenza di quanto ipotizzato dall’ex numero uno, il brand di Torino continuerà ad essere centrale in Europa per la società del CEO Mike Manley. La futura gamma di 500 e la Centoventi mostrata in anteprima a Ginevra rappresenteranno due modelli chiave per la principale casa automobilistica italiana nel futuro. Questi modelli infatti garantiranno da parte di FCA il rispetto delle regole comunitarie sulle emissioni, abbassando la CO2 media del gruppo.

Questo cambio di strategia è stato confermato nelle scorse ore dal top manager di Fiat, Olivier Francois direttamente dal Salone dell’auto di Ginevra 2019. “In Europa il marchio Fiat resta, ormai è confermato, e anzi potrà svolgere il ruolo chiave di assicurare il rispetto delle regole sulle emissioni”, ha confermato il dirigente del brand di Torino. La 500 del futuro sarà un’auto elettrica che avrà l’importantissimo compito di dare il via alla rivoluzione elettrica che nei prossimi anni prenderà piede nel gruppo FCA. Anche la Centoventi che dovrebbe avere un prezzo di partenza di circa 15 mila euro, avrà lo stesso compito nel segmento B del mercato. A proposito di Centoventi, Francois però non esclude che sul mercato possano arrivare anche versioni a combustione che avrebbero un prezzo di partenza davvero bassissimo.