in

Fiat Chrysler esclude la vendita di Maserati

Il CEO di Fiat Chrysler Mike Manley si dice aperto ad eventuali alleanze ma esclude una cessione di Maserati

MIke Manley Fiat Chrysler

Fiat Chrysler (FCA) è aperta a perseguire alleanze e opportunità di fusione se hanno senso, ma una vendita del suo marchio di lusso Maserati non è un’opzione, ha detto l’amministratore delegato Mike Manley a Ginevra martedì. “Abbiamo un forte futuro indipendente, ma se c’è una partnership, una relazione o una fusione che rafforza quel futuro, guarderò a questo”, ha detto Manley ai giornalisti al salone dell’auto di Ginevra. Alla domanda se avrebbe preso in considerazione la possibilità di vendere Maserati al gruppo cinese Geely Automobile Holdings, come suggerito da recenti resoconti dei media, Manley ha dichiarato: “Maserati è uno dei nostri marchi più importanti e ha un futuro incredibilmente luminoso, quindi No.”

Fiat Chrysler Automobiles viene spesso citata come possibile candidato alla fusione. Bloomberg ha dichiarato questa settimana che la casa automobilistica italo-americana è interessante per il gruppo francese PSA vista la sua esposizione nel mercato statunitense e al suo famoso marchio Jeep. Manley, che è subentrato dopo la morte di Sergio Marchionne, ha dichiarato che al momento non ha notizie su possibili accordi. Alla domanda sul piano di investimenti da 5 miliardi di euro per l’Italia, annunciato a novembre ma poi sottoposto a revisione, Mike Manley ha dichiarato che il piano è stato confermato come originariamente presentato.