in

FCA: in Serbia sciopero dei lavoratori, “Il datore di lavoro viola seriamente la legge”

Scioperano i dipendenti dell’ex stabilimento Magneti Marelli in Serbia per le condizioni di lavoro inadeguate

Il sindacato della fabbrica FCA Plastik ha annunciato che questa settimana che sarà organizzato il secondo sciopero di avvertimento in una settimana. Si tratta dell’ex fabbrica di Magneti Marelli. Lo sciopero si svolgerà perché i responsabili dell’impianto non rispetterebbero gli accordi presi con il sindacato. Quest’ultimo infatti afferma che le condizioni di lavoro non sono regolari. Inoltre è stato anche fatto presente di alcune pesanti pressioni sui lavoratori che vogliono scioperare.

Scioperano i dipendenti dell’ex stabilimento Magneti Marelli in Serbia

Il presidente del Sindacato indipendente della fabbrica, Aleksandar Korac, ha informato la stampa che questo non è la prima volta che nella fabbrica si sciopera per questo motivo. Già uno sciopero di avvertimento è stato effettuato nella giornata di giovedì scorso. Tra l’altro Korac ha anche confermato che i datori di lavoro hanno fatto forti pressione sui lavoratori per sapere chi avesse intenzione di scioperare. Korac afferma che si tratta di una grave violazione della legge e che hanno informato l’ispettorato del lavoro.

Condizioni di lavoro inadeguate secondo il sindacato

“Le condizioni di lavoro non sono adeguate. Non viene infatti rispettato il regolamento nella parte che fa riferimento alla temperatura nei capannoni di produzione quando le temperature all’esterno sono estremamente basse o alte. Alcuni luoghi di lavoro non vengono riscaldati o se il riscaldamento è acceso il calore si disperde a causa delle forti correnti d’aria, quindi la temperatura è simile a quella che si trova all’esterno”, ha detto Korac.

Nell’impianto vengono realizzate alcune parti di Fiat 500L

Il sindacalista Serbo ha indicato una serie di “tentativi non nascosti” per sciogliere il sindacato della fabbrica, così come il conflitto nato a causa delle trattative illegali condotte su un nuovo contratto collettivo e l’adozione di un regolamento che non è in conformità con la legge. Korac ha sottolineato che i lavoratori continueranno con lo sciopero fino a quando Fiat Chrysler non rispetterà la legge. La fabbrica FCA Plastik, che fa parte del gruppo FCA, occupa circa un centinaio di dipendenti che lavorano nella produzione di paraurti per l’automobile “Fiat 500L”.