in

Ferrari: secondo Fiorio, Binotto avrà il sostegno della squadra anche senza Marchionne

Cesare Fiorio, pensa che il team abbia fatto bene a dare la responsabilità della scuderia Ferrari a Mattia Binotto

Ferrari

L’ex direttore sportivo della Ferrari, Cesare Fiorio, pensa che il team abbia puntato sul cavallo giusto dando la responsabilità del team a Mattia Binotto. Questo in quanto il direttore tecnico della squadra ha le qualità giuste per sostituire nel migliore dei modi il partente Maurizio Arrivabene. Binotto è stato un dipendente della Ferrari dal 1995, è cresciuto tra i ranghi della compagnia nei due decenni e mezzo che è stato lì. Arrivabene, che era stato team principal in Ferrari dal settembre 2014, non ha ricevuto un rinnovo del contratto alla fine dello scorso anno.

“Mattia Binotto è un ingegnere cresciuto in Ferrari”, ha dichiarato Fiorio alla Gazzetta dello Sport. Fiorio è stato direttore sportivo della Ferrari per due anni dal 1989, prima di essere tagliato in vista della stagione 1991. “Grazie a lui l’auto si è evoluta in una direzione positiva e soprattutto è ciò che Sergio Marchionne aveva programmato. “Binotto rispetto a Maurizio Arrivabene ha un’esperienza tecnica più specifica ma, allo stesso tempo, pur essendo un ingegnere ora deve occuparsi anche della gestione politica della squadra.” “I risultati degli ultimi anni sono stati favorevoli a causa dell’intervento di Marchionne.

Arrivabene, un pubblicitario, non aveva esperienza di corse e forse proprio questo è mancato. Sotto Marchionne, il divario tecnico con la Mercedes è stato ridotto, l’auto si è sviluppata molto e Binotto ne è stato responsabile. Senza Marchionne, Binotto ha perso il suo mentore, ma ha grande fiducia ed esperienza a livello tecnico “. “È abbastanza straordinario che, nonostante la sua morte, Marchionne stia ancora ottenendo ciò che aveva deciso sei mesi fa. Charles Leclerc fortemente voluto da Marchionne ha firmato per il cavallino rampante diversi mesi dopo la sua morte. Binotto ha avuto anche la benedizione di Marchionne e il compianto CEO della Ferrari ha visto esaudito il suo desiderio quando Binotto è diventato capo squadra.