in

Fiat Chrysler, Toyota e Ford colpite dai problemi economici della Turchia

Fiat Chrysler Ford e Toyota sono solo alcune della case automobilistiche che producono auto in Turchia ad essere colpite dalla crisi

Fiat Chrysler

Alcune case automobilistiche tra cui Ford, Toyota e Fiat Chrysler Automobiles sono state duramente colpite dalla crisi economica della Turchia. Le vendite di veicoli leggeri nel paese sono diminuite di un terzo quest’anno, dopo che i prezzi dei nuovi veicoli sono saliti in risposta al crollo del valore della lira turca. Il CEO di Ford Europa, Steve Armstrong, nel tentativo di invertire le perdite europee, ha dichiarato che la situazione valutaria è “un notevole ostacolo esterno” per la società.

Fiat Chrysler e le joint venture Renault sono anche vulnerabili alla crisi della Turchia, ha affermato Carol Thomas, analista per l’Europa centrale e orientale di LMC Automotive. Fiat costruisce la vettura compatta Tipo / Egea in Turchia e Renault produce la piccola Clio. “Il mercato interno è stato duramente colpito dal tasso di cambio, dal picco dell’inflazione e dal forte rialzo dei tassi di interesse”, ha affermato Thomas. Il mercato turco potrebbe scendere a 609.000 veicoli nel 2018 e a 450.000 nel 2019, ha detto LMC, anche se l’azienda potrebbe rivedere tale cifra al rialzo se la Turchia estenderà i tagli fiscali per stimolare la domanda fino al 2019.

Le vendite sono diminuite del 34 per cento a 543.231 veicoli nei primi 11 mesi, l’Associazione Distributori Automobilistici ha detto all’inizio di questo mese. Le vendite di novembre sono calate del 42 percento a 58.204.La produzione di veicoli scenderà a 1,5 milioni quest’anno da 1,66 milioni nel 2017 e scenderà a 1,4 milioni nel 2019, secondo le previsioni LMC. La produzione è diminuita dell’8% nei primi 11 mesi a 1,43 milioni. Le esportazioni sono rimaste invariate durante il periodo a 1,22 milioni di veicoli, ha dichiarato l’Associazione dei produttori automobilistici della Turchia. La Turchia ha attratto le case automobilistiche come un luogo di produzione a basso costo , con un rifornimento salutare di lavoratori qualificati e semi-specializzati e una posizione centrale per un facile accesso all’Unione europea, all’Eurasia e al Medio Oriente.

“L’energia è significativamente meno costosa di quella europea e la Turchia è abbastanza vicina all’Europa, quindi è facile esportare auto”, ha affermato Fawad Ahmad, analista di IHS Markit. Le case automobilistiche hanno una produzione localizzata per costruire auto appositamente studiate per gli acquirenti turchi, che preferiscono le berline. Le berline rappresentano la metà del mercato. Le vendite di veicoli Renault e Dacia in Turchia sono diminuite del 34 per cento a 100.993 nei primi 11 mesi del 2018, secondo i ricercatori di mercato di JATO Dynamics. Le vendite di Ford di furgoni e automobili sono diminuite del 39 percento a 57,692. Il volume di Fiat Chrysler è sceso del 42 percento a 60.450. Le vendite dei marchi Toyota sono diminuite del 19% a 30.479.


Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.