in

Marcus Ericsson è orgoglioso di aver contribuito alla crescita di Alfa Romeo Sauber

Il pilota svedese si sente protagonista del rilancio del team e si dice dispiaciuto di dover lasciare proprio adesso

Marcus Ericsson Alfa Romeo Sauber

Marcus Ericsson dice che può lasciare Alfa Romeo Sauber sentendosi “orgoglioso” del ruolo che ha svolto nell’aiutare la scuderia a recuperare posizioni in Formula 1 dopo le ultime deludenti stagioni. Il team elvetico, che da quest’anno viene sponsorizzato da Alfa Romeo, ha registrato un netto miglioramento nel 2018, passando dal fondo del campionato costruttori all’ottavo posto grazie al ricco bottino di 48 punti ottenuto dai piloti Marcus Ericsson e Charles Leclerc.

Ericsson è arrivato in Sauber dalla Caterham nel 2015 ma, dopo un inizio promettente, la mancanza di sviluppo della monoposto a causa di problemi finanziari fuori pista ha fatto sì che la squadra svizzera scivolasse verso il fondo della gerarchia della F1 fino a quando la scuderia non ha ricevuto nuovi investimenti e legami più stretti con la Ferrari a partire da l’anno scorso. “Quando sono arrivato qui abbiamo avuto un ottimo inizio nel 2015 con alcune gare forti, risultati importanti, molti punti”, ha detto Ericsson.

“Ma poi a metà stagione le cose sono radicalmente cambiate e il team ha dovuto affrontare grossi problemi economici per quasi due anni e mezzo. Sono stati tempi molto difficili per la squadra, eravamo sempre meno competitivi e questo ha reso molto difficile il mio lavoro di pilota. Eravamo davvero in basso”, ha aggiunto. “Ma poi siamo stati in grado di capovolgere la situazione e quindi far parte di quella trasformazione che abbiamo avuto negli ultimi 12 mesi è stato molto divertente. Sono orgoglioso di far parte di questo, questa ultima stagione è stata davvero eccezionale per la squadra e anche me stesso.” 

Nonostante abbia goduto della sua stagione più forte in F1, Marcus Ericsson ha perso il suo posto nel 2019 dopo che la Sauber ha optato per una nuova formazione composta da Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi. A proposito di ciò, Ericsson ha dichiarato: “Questa è la parte deludente – non essere in grado di continuare. “Perché sono stato qui durante tutti i momenti brutti e poi ora nei bei momenti di quest’anno e mi sento partecipe di tutto ciò che è successo. “È per questo che è triste non continuare con loro perché ora sembra davvero che stiamo cominciando a scalare la classifica potendo finalmente essere competitivi. “Sarebbe stato bello continuare per il prossimo anno, ma è così. “Sono ancora orgoglioso di quello che ho fatto e sento di aver fatto molto per rendere la scuderia quella che è diventata oggi.” Ericsson passerà alla IndyCar nel 2019, dove guiderà per Schmidt Peterson Motorsports.


Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.