in

Michael Schumacher: la famiglia rivela l’ultima intervista prima dell’incidente

La famiglia dell’ex campione del mondo ha deciso di pubblicare la sua ultima intervista, ecco gli argomenti trattati

Michael Schumacher

La famiglia di Michael Schumacher ha rilasciato un’intervista che il campione tedesco ha effettuato poche settimane prima che l’ex campione del mondo di Formula 1 subisse un fatale incidente mentre sciava sulle montagne francesi. Da quel momento, la famiglia ha mantenuto un silenzio sepolcrale attorno al vero stato di salute dell’ex pilota di Jordan, Benetton, Ferrari e Mercedes. Ora, il clan guidato da Corinna Schumacher ha rotto l’assedio per far conoscere una sorta di bilancio del sette volte campione di Formula 1.

Nel corso di questa intervista, il pilota tedesco, fino ad oggi il pilota più vincente della competizione, ha fatto una sorta di bilancio della sua carriera dicendo chi ha ammirato, chi è stato il suo più grande rivale e quale è stato per lui il suo campionato più speciale. “La vittoria più emozionante è stata senza dubbio quella di Suzuka nel 2000 con la Ferrari. Dopo 21 anni senza il Campionato del Mondo per la Ferrari e quattro anni per me senza riuscirci, alla fine abbiamo vinto la gara, una gara eccezionale, e abbiamo vinto il campionato “, ha detto Michael Schumacher. 

Per quanto riguarda chi era stato il suo rivale migliore o almeno quello che rispettava di più, Schumi ha fatto il nome del finlandese Mika Hakkinen, campione nel 1998 e nel 1999 al volante di una McLaren. Il tedesco sosteneva di  aver avuto con il collega finlandese un buonissimo rapporto non solo all’interno della pista, ma anche al di fuori di essa. “Il pilota che ho sempre rispettato in questi anni è stato Mika per le grandi battaglie e per una relazione privata molto stabile”, ha affermato il padre del recente campione di Formula 3, Mick Schumacher.

Per quanto riguarda il suo idolo Michael Schumacher ha scelto fuori dalla pista, ammettendo di avere un debole per l’ex portiere della nazionale tedesca di calcio Toni Schumacher. Infine Schumi ha pure sottolineato che, per crescere come pilota, è “importante sviluppare se stessi e saper prendere decisioni. Non si deve guardare solo all’auto, bisogna guardare a se stessi, agli altri piloti, non solo quelli di fronte a te, bisogna essere consapevoli di tutti. Questo è quello che ho fatto io, perché tutti hanno qualcosa di speciale che io voglio conoscere”. Per quanto riguarda il talento, Schumacher ha affermato che ” avere talento è molto importante nel motorsport, come in qualsiasi altro sport, ma è qualcosa che devi sviluppare. Il karting è una buona base per mostrare il proprio talento, ma anche per trovare altre abilità che ti servono per essere un pilota da corsa “, ha concluso. 


Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.