in

Stellantis: Carlos Tavares ammette alcuni errori nel mercato americano

Carlos Tavares ammette di aver sottovalutato in modo arrogante alcune problematiche che hanno colpito il suo gruppo negli USA

Carlos Tavares

Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha dichiarato giovedì che la sua azienda è stata “arrogante” in quanto non è riuscita a reagire rapidamente alla convergenza di diversi problemi negli Stati Uniti negli ultimi mesi, inclusi problemi di produzione e scorte in aumento. “Quando dico che siamo stati arroganti, sto parlando di me stesso. Di nessun altro. Sto parlando del fatto che avrei dovuto agire immediatamente”, ha detto Tavares durante un incontro di investitori giovedì presso la sede nordamericana della casa automobilistica ad Auburn Hills.

Carlos Tavares ammette di aver sottovalutato in modo arrogante alcune problematiche che hanno colpito il suo gruppo negli USA

Ha detto che avrebbe dovuto formare una task force per affrontare i problemi, che includevano intoppi nella produzione in un paio di stabilimenti statunitensi che “non funzionano come dovrebbero”. L’amministratore delegato ha rilasciato questi commenti mentre le vendite di Stellantis negli Stati Uniti sono diminuite, i suoi concessionari hanno faticato a spostare le auto dai lotti, le operazioni dei suoi impianti sono state a volte difficili e hanno dovuto affrontare licenziamenti e la quota di mercato della casa automobilistica è caduta negli Stati Uniti.

Ma Tavares e altri dirigenti di Stellantis sono rimasti ottimisti giovedì riguardo alla loro capacità di correggere la rotta nella regione grazie a una combinazione di tagli dei costi e una serie di nuovi veicoli di alto profilo, tra cui diversi modelli elettrici. Nonostante quelli che Tavares ha definito “venti contrari” alla redditività negli Stati Uniti e in Europa, la casa automobilistica ha confermato la sua guidance finanziaria complessiva per il 2024, compreso un utile operativo rettificato a doppia cifra del 10-11% e la distribuzione di circa 8,3 miliardi di dollari (7,7 miliardi di euro) in dividendi e riacquisti. quest’anno.

Natalie Knight, direttore finanziario di Stellantis, ha affermato che l’afflusso di nuovi modelli quest’anno costituirà una quota crescente delle entrate dell’azienda, fino al 15-20% nella seconda metà dell’anno, rispetto al 10% nella prima metà. Nel frattempo, ha affermato che la società prevede di ridurre i prezzi delle materie prime utilizzate nei suoi veicoli.

E ha detto che l’azienda vede all’orizzonte ulteriori tagli ai dipendenti: circa 200 milioni di dollari a livello aziendale nella seconda metà dell’anno. “Ci saranno domande su dove siamo in termini di riduzione dei costi, e siamo ai limiti o no? È la stessa cosa che chiedersi, abbiamo limiti alla nostra immaginazione?” Tavares ha detto di trovare spazi di risparmio in azienda.

Oltre a ridurre l’organico, giovedì i dirigenti di Stellantis hanno anche discusso dei loro sforzi per risparmiare denaro spostando più dipartimenti di ingegneria nei cosiddetti paesi “best cost”, come Marocco, India e Brasile. Hanno affermato che stanno cercando sempre più di procurarsi parti da fornitori in quei paesi produttori a basso costo. Inoltre, hanno ridotto il numero totale di piattaforme di veicoli dell’azienda a soli quattro, consentendole di semplificare il processo di progettazione e produzione tra diversi marchi e modelli e di ridurre i costi.

La riduzione dei costi è tutto nel nome della transizione ai veicoli elettrici, ha affermato Tavares, e della necessità di rimanere competitivi con le case automobilistiche cinesi che stanno cercando di crescere in nuovi mercati in tutto il mondo dove Stellantis sta cercando di mantenere la propria quota di mercato. La casa automobilistica ha fissato l’obiettivo per il 2030 di vendere auto elettriche al 100% in Europa e al 50% negli Stati Uniti.

Il numero uno di Stellantis ha ripetutamente criticato l’aumento delle tariffe, come la mossa dell’amministrazione Biden di aumentarle al 100% per le auto cinesi, e la mossa dell’Unione Europea questa settimana di aumentarle sostanzialmente. Le tariffe stanno “correggendo una mancanza di competitività”, che secondo lui si ritorcerà contro alcune case automobilistiche europee e americane nel lungo termine. “Andiamo a correre, non ci aspettiamo che nessuno ci protegga”, ha detto l’amministratore delegato, aggiungendo che ritiene che sia più intelligente “esporsi alla concorrenza più dura possibile sul pianeta”.

Stellantis

Ma Stellantis ha anche collaborato con uno dei principali produttori cinesi di veicoli elettrici, Leapmotor, per vendere i suoi veicoli a basso costo in molti mercati, inclusa l’Europa. Stellantis possiede il 51% della nuova Leapmotor International, che supervisionerà la produzione e la distribuzione delle auto al di fuori della Cina.

“Sfrutteremo la loro competitività in termini di costi”, ha affermato Tavares. “Sfrutteremo la loro maestria tecnologica, vale a dire i propulsori elettrici e tutto ciò che riguarda la connettività. E sfrutteremo questo a nostro vantaggio attraverso la società di esportazione (Leapmotor International)”.