in

Fiat Chrysler: un piccolo azionista esorta il gruppo a vendere le sue attività in Europa

Fiat Chrysler Automobiles

Un piccolo investitore di Fiat Chrysler esorta il consiglio a prendere in considerazione la possibilità di vendere le sue attività europee e, infine, di far uscire le divisioni Maserati e Alfa Romeo per concentrarsi sui suoi proficui marchi statunitensi. ADW Capital Management, da lungo tempo azionista, sta premendo per portare avanti queste e altre proposte per sollevare le azioni della casa automobilistica italo americana e “eliminare la sua valutazione di turnaround”, ha detto in una lettera inviata al consiglio di amministrazione giovedì. Il fondo non è tra i primi 100 azionisti di Fiat.

Fiat Chrysler: negli USA c’è chi chiede che il gruppo italo americano si sbarazzi delle sue attività europee

Fiat Chrysler nel terzo trimestre, ha avuto un aiuto importante dal mercato auto statunitense grazie alla crescita nelle vendite di veicoli quali Ram 1500 e Jeep Wrangler che hanno fatto si che la divisione americana del gruppo generasse il 97% dei profitti. Così facendo FCA ha superato Ford Motor Co. e ha eguagliato il margine di General Motors Co.

“Mentre Fiat ha marchi premium in crescita secolare, il bilancio più forte e il più alto profilo di crescita di tutte le case automobilistiche statunitensi, l’azienda scambia uno sconto significativo sui suoi omologhi più vicini, GM e Ford”, ha dichiarato Adam Wyden, 34 anni di ADW. Wyden cambierebbe il nome dell’azienda in “JeepRAM” per riflettere i suoi marchi più forti e adotterebbe i principi contabili US GAAP per consentire a più fondi indicizzati negli Stati Uniti di investire nelle azioni. 

Fiat Chrysler è controllata dalla Exor della famiglia Agnelli, che detiene oltre il 50% dei diritti di voto. Questo livello di controllo lascia poco spazio alle richieste degli investitori di vendere le attività europee. ADW, fondata nel 2011, è azionista dal 2014.