in

Daniel Ricciardo pensa che la pressione di vincere con Ferrari possa aver turbato Sebastian Vettel

Daniel Ricciardo ritiene che i numerosi errori di Sebastian Vettel siano provocati dalle enormi pressioni di vincere con Ferrari

Lewis Hamilton e Sebastian Vettel

Daniel Ricciardo ha suggerito che la pressione di dover vincere un campionato per la Ferrari potrebbe aver contribuito quest’anno agli errori di Sebastian Vettel. I numerosi errori del tedesco hanno finito per contribuire al grande distacco che adesso il pilota ha da Lewis Hamilton nella corsa al titolo. Vettel ha dominato in passato la Formula 1, vincendo quattro campionati consecutivi per la Red Bull con in particolare un 2013 da record.

Daniel Ricciardo ritiene che i numerosi errori di Sebastian Vettel siano provocati dalle enormi pressioni di vincere con Ferrari

In proposito Daniel Ricciardo ha voluto dire: “È difficile per me commentare davvero perché ho vinto delle gare e ho affrontato alcune pressioni, ma non ho mai affrontato la vera pressione di lottare per un titolo in un vero e proprio testa a testa”, ha detto Ricciardo. “Sì, credo che sarei in grado di sopportare quella pressione, ma finché non sarò in quella posizione non posso dire di sì. Vettel ha già vinto titoli prima d’ora, quindi forse è un po’ una sorpresa, in quanto dovrebbe esserci abituato.” Insomma Ricciardo crede che l’ambiente e le aspettative che ci sono in Ferrari possano aver fatto la differenza per Vettel, che ha vinto tutti i suoi campionati con Red Bull in un ambiente probabilmente meno stressante per il pilota tedesco.

Daniel Ricciardo Formula 1
Daniel Ricciardo Formula 1

“La Ferrari ha forse un’organizzazione diversa dalla Red Bull e ci sono diversi pesi e pressioni che arrivano quando corri per il cavallino rampante. Non sono sicuro, sto speculando, ma forse queste sono cose che aggiungono più peso sulle spalle. Al momento posso dire che Lewis Hamilton è stato il pilota più solido sino a questo momento. Seb è stato in grado di effettuare grandi gare ma ha avuto più alti e bassi “.