in ,

Ferrari: Arrivabene si è scusato con Bottas per averlo definito un “maggiordomo”

Maurizio Arrivabene si scusa con Valtteri Bottas per l’infelice frase detta subito dopo il Gran Premio d’Italia

Maurizio Arrivabene

Maurizio Arrivabene dice di essersi scusato direttamente con Valtteri Bottas per i commenti fatti dopo il recente Gran Premio italiano. Quando gli è stato chiesto perché Kimi Raikkonen non ha interpretato un “ruolo di squadra” simile a quello di Bottas per supportare Sebastian Vettel a Monza, il boss della Ferrari ha detto: “Abbiamo piloti, non maggiordomi”. In proposito a tali affermazioni Arrivabene ha dichiarato: “Non appena l’ho detto nel fervore della gara, sapevo che avrebbe creato una polemica. Da allora ho scambiato numerosi messaggi con Valtteri Bottas. Volevo scusarmi con lui e fargli capire cosa intendevo.”

Ferrari: Maurizio Arrivabene si scusa con Valtteri Bottas per l’infelice frase detta subito dopo il Gran Premio d’Italia

A quanto pare Bottas avrebbe accettato le scuse. Alcuni ritengono che la Ferrari non abbia dato “ordini di squadra” a Monza perché a Raikkonen era già stato detto che non sarebbe rimasto nella scuderia di Maranello nel 2019. Ma Arrivabene ha detto che gli ordini di squadra all’inizio della gara sono impossibili. “Ho solo chiesto loro di non fare nulla di stupido”, ha insistito Arrivabene. “Si diceva che Kimi avesse fatto qualcosa di sfavorevole a Sebastian, ma cosa avrebbe dovuto fare? Quello che ha fatto è esattamente ciò che avrebbero fatto Lewis Hamilton o Sebastian Vettel nella sua stessa posizione.”

Ferrari Maurizio Arrivabene sostituzione
Maurizio Arrivabene

Quello che è successo con Vettel e Hamilton (il loro scontro) non ha nulla a che fare con gli ordini di squadra “, ha detto. Vettel è stato duramente criticato per i suoi errori nel 2018, che potrebbero costargli il campionato del mondo. Ma Arrivabene ha detto che sarebbe “completamente sbagliato puntare il dito contro di lui quando ci sono ancora così tante gare da disputare”. “Rispondo io degli errori dell’intera squadra, quindi non importa chi ha commesso l’errore se il pilota o il team, qualcuno deve rispondere e questa persona sono io”.

Written by Ippolito Visconti

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza la patria dei motori. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri in lingua inglese. Lavora da aprile 2018 con Davinci Media dove segue accuratamente tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.