in

Ferrari vuole sviluppare una propria versione dello scarico Fratzonic EV di Dodge

Ferrari pensa già ai suoni dei motori delle sue future auto elettriche

Ferrari

Ferrari ha sviluppato un sistema per generare una colonna sonora autentica e piacevole per le sue future supercar elettriche che sarà direttamente correlata alle prestazioni del gruppo propulsore, consentendo ai conducenti di sentire un rombo diverso del motore a seconda di come stanno guidando la vettura, un po’ come si trovassero a bordo di una super car con motore termico.

Ferrari pensa già ai suoni dei motori delle sue future auto elettriche

Invece di riprodurre audio simulato attraverso un altoparlante come hanno fatto altre case automobilistiche, il produttore del cavallino rampante ha dunque optato per questa soluzione che dovrebbe offrire un suono più genuino. L’azienda ha svolto molte ricerche per mettere a punto le dinamiche dei suoi futuri veicoli elettrici, ma ha evidenziato i suoni dei veicoli elettrici come un punto debole. Negli USA hanno scoperto un deposito di brevetto presso l’US Patent and Trademark Office (USPTO) in cui gli ingegneri Ferrari cercano di migliorare questo problema.

Fondamentalmente, la Ferrari estrarrà i suoni dai motori elettrici e dai vari componenti della trasmissione, misurando le frequenze di risonanza del motore, della trasmissione, del differenziale e persino delle ruote, prima di amplificare questi suoni con una configurazione del risonatore per creare un suono correlato alla rotazione del motore elettrico.

Con questa tecnologia la casa di Maranello aggiungerà una cosiddetta “corrente di sonorità” all’alimentazione del motore elettrico a una frequenza tale da non interferire con il funzionamento del motore. Questa corrente sonora creerà una frequenza armonica distinta, o ronzio, nell’alloggiamento del motore, corrispondente alla velocità di rotazione del motore. Questo ronzio potrà quindi essere amplificato da un risonatore sul motore o sul suo alloggiamento della trasmissione per creare un vero e proprio rumore del gruppo propulsore.

Ferrari

Il risonatore può essere progettato per produrre esattamente il tipo di suono che Ferrari ritiene appropriato per le sue applicazioni e non ha nemmeno bisogno di hardware aggiuntivo per farlo funzionare. La parte migliore di questo brevetto è che è assolutamente fedele, sale e scende con la velocità del motore elettrico e cambia anche volume a seconda del carico sul motore. Questo imita il comportamento attuale dei motori a combustione interna, creando un vero e proprio rombo attraverso il quale è possibile guidare con i sensi piuttosto che guardare continuamente gli indicatori e le letture del computer.

E, poiché il suono viene creato all’interno del motore elettrico, rimane fedele all’etica dell’autenticità Ferrari. Questo sistema non verrà applicato a nessun modello Ferrari attuale, ma la prima Ferrari elettrica sta arrivando e dunque è anche giusto iniziare a pensare a quello che accadrà in futuro.

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI