in

Alfa Romeo: a Cassino riparte la produzione, da settembre via ai preparativi per un nuovo modello

Finita la pausa estiva, riprendono le attività a Cassino in attesa dell’arrivo di un nuovo modello da produrre

Dopo quasi tre settimane di stop produttivo, dovuto alla pausa estiva ed alla necessità di riallineare l’effettiva produzione alle richieste del mercato, riprendono le attività nello stabilimento FCA di Cassino. Da questa mattina, infatti, si ricomincia con la produzione di Alfa Romeo Giulia e Alfa Romeo Stelvio, i due modelli di nuova generazione che rappresentano buona parte del futuro dello stabilimento.

La produzione dell’Alfa Romeo Giulietta, il terzo modello prodotto nello stabilimento laziale, riprenderà, invece, soltanto ad inizio del prossimo mese di settembre permettendo così all’impianto di ritornare al lavoro a pieno regime dopo lo stop estivo. Il ritmo di produzione dovrebbe essere lo stesso degli ultimi mesi anche se sarà necessario valutare l’andamento degli ordini per scongiurare eventuali stop produttivi futuri.

Nel frattempo, secondo quanto riporta Ciociara Oggi, un magazine sempre molto attento alle vicende che ruotano intorno allo stabilimento di Cassino, che rappresenta uno dei principali motori dell’economia locale, a partire dal prossimo mese di settembre potrebbero iniziare nel sito i lavori di pre-produzione per il prossimo modello che andrà ad ampliare la gamma Alfa Romeo nel corso dei prossimi anni. 

Come noto, FCA non ha rilasciato alcuna informazione in merito alle tempistiche di avvio di produzione dei nuovi modelli Alfa Romeo ed alle sedi dove i vari modelli verranno effettivamente assemblati. E’ chiaro, in ogni caso, che Cassino, cuore della produzione Alfa Romeo attualmente, è in prima linea per ospitare almeno un altro modello Alfa.

Tra i candidati al debutto, come noto, c’è il SUV di segmento E che rappresenterà un’evoluzione dello Stelvio andando ad occupare un segmento di mercato ancora più redditizio per Alfa Romeo. Il “grande SUV” non ha ancora una sede ufficiale di produzione. In passato si è parlato di Mirafiori, dove viene prodotto il Maserati Levante, come sede di produzione ma il sito di Cassino non è ancora da escludere.

Resta, inoltre, l’ipotesi dell’Alfa Romeo GTV. La nuova coupé sportiva, che come visto la scorsa settimana dovrebbe essere realizzata anche in versione spider, deriverà dalla Giulia e, quindi, verrà realizzata nel sito di Cassino. Secondo gli ultimi rumors, in ogni caso, la nuova GTV entrerà in produzione soltanto nel 2021 e sarà uno degli ultimi modelli previsti dal piano industriale di Alfa Romeo. Per il crossover di segmento C, da molti definito come “erede della MiTo”, si parla, invece, dello stabilimento di Melfi come sede della produzione.

Ricordiamo, in ogni caso, che a Cassino è prevista la produzione di tre nuovi progetti già annunciati dal piano industriale di FCA. Nel sito laziale saranno, infatti, realizzate le varianti a passo lungo di Giulia e Stelvio, modelli essenziali per poter espandere la presenza di Alfa Romeo in Cina, un mercato particolarmente interessato alle varianti “a passo lungo” dei vari modelli dei costruttori europei.

Alfa Romeo Giulietta Sport

A completare la gamma di novità per Cassino ci sarà il restyling dell’Alfa Romeo Giulietta. FCA, per questioni prettamente economiche, ha scelto di non produrre una nuova generazione della Giulietta ma di sostituire il modello attuale con un massiccio restyling che andrà a rinnovare il design, la dotazione ed il comparto tecnico della segmento C adeguando gli standard di sicurezza alle richieste del mercato attuale e migliorando le prestazioni. La nuova Giulietta arriverà tra qualche anno, probabilmente nel 2020, ed i lavori di adeguamento dell’impianto dovrebbero partire già nel corso del prossimo anno.

In attesa di ulteriori informazioni sui nuovi modelli Alfa Romeo in arrivo sul mercato, è chiaro che lo stabilimento di Cassino tornato a lavoro in queste ore rappresenterà anche in futuro il punto focale della produzione Alfa. La continua crescita delle vendite del marchio permetterà di colmare la capacità produttività del sito e di far rientrare al lavoro gli oltre 500 lavoratori interinali impegnati nel sito sino allo scorso anno.

Per il momento, in conclusione, non ci resta che attendere l’arrivo di ulteriori informazioni in merito ai modelli Alfa che entreranno in produzione a Cassino. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti.

Fonte