in

Stellantis: lo stabilimento di Porto Real compie 25 anni

La prima vettura costruita in questo sito fu la Peugeot 206

Stellantis stabilimento Porto Real

25 anni fa, Peugeot confermò l’installazione di uno stabilimento in Brasile, situato nella città di Porto Real (Rio de Janeiro). Questa storia si interseca con quella del primo modello del marchio costruito nel Paese, la Peugeot 206, che all’epoca non era nemmeno conosciuta come prototipo.

La disputa è stata intensa. Lo Stato di Rio de Janeiro è emerso come possibilità nel 1996, ma Bahia, Goiás, Minas Gerais, Paraná e São Paulo avevano presentato i loro piani per attrarre il Gruppo PSA (che all’epoca riuniva i marchi Peugeot e Citroën). Il mercato era in ebollizione, con vendite elevate, polemiche sulle restrizioni alle importazioni e un nuovo regime automobilistico che stimolava la produzione locale.

Stellantis stabilimento Porto Real
Stellantis, lo stabilimento di Porto Real spiccò grazie a Peugeot

Stellantis: la fabbrica di Porto Real festeggia quest’anno il suo 25° anniversario

I lavori sono iniziati nel maggio 1998 e la prima fase è stata il livellamento del terreno di 3 milioni di m². I lavori sono proseguiti anche quando lo scenario economico è mutato nella seconda metà di quell’anno. La crisi globale ha colpito fortemente il Brasile e ha costretto diverse aziende a congelare i loro piani di investimento. PSA però è andata avanti.

All’epoca Peugeot contava 80 concessionarie brasiliane e la sua vettura più venduta era la 306. Si era già definito che il modello prodotto a Porto Real sarebbe stato una compatta dall’appeal popolare, il che avrebbe richiesto l’ampliamento della rete di concessionarie.

Il futuro nazionale sarebbe la 206, il cui design definitivo era uno dei segreti meglio custoditi dell’industria automobilistica. I fari che ricordano occhi felini furono conosciuti solo nel marzo 1998 in occasione del Salone di Ginevra.

Il debutto è avvenuto con il prototipo decappottabile 20: un cuore ha sostituito il 6 sulle targhette poste sulla vettura. In francese, la pronuncia di questa nomenclatura – vingt couer – si riferisce alla parola vainqueur, che significa vincitore.

Dopo un periodo di presentazioni alla stampa, il lancio ufficiale della Peugeot 206 avvenne nell’ottobre del 1998 in occasione della 100ª edizione del Salone di Parigi. Una sfilata lungo gli Champs Elysées ha celebrato il centenario e toccò alla 206 presentarsi davanti alle auto storiche della casa del Leone, portando il gagliardetto con il nome del marchio.

L’auto era in ogni angolo dello stand della casa automobilistica al parco espositivo Paris Porte de Versailles. Oltre alle versioni stradali, c’era il modello che sarebbe stato utilizzato nel campionato mondiale di rally e il concept Escapade. Oltre ad anticipare il nome delle versioni disponibili in Brasile, questo prototipo anticipava già il futuro segmento dei SUV compatti.

All’epoca, diversi giornalisti brasiliani testarono la nuova Peugeot a Vittel, a circa 300 km da Parigi. Durante le prove, le caratteristiche tecnologiche non disponibili nel mercato brasiliano attirarono l’attenzione.

In Europa, la 206 poteva essere dotata di navigatore GPS, che offriva istruzioni vocali in cinque lingue. Anche la finitura è stata messa in risalto, con dettagli come il coperchio del vano portaoggetti rivestito con lo stesso tessuto utilizzato nel rivestimento delle portiere.

Stellantis stabilimento Porto Real

La 206 arrivò nel mercato brasiliano nel marzo del 1999

L’arrivo sul mercato brasiliano fu rapido. La 206 debuttò nel marzo del 1999. Le versioni disponibili erano Soleil, Passion e Rallye, tutte importate dalla Francia e dotate di un motore a benzina da 1.6 litri con potenza di 90 CV.

Nell’aprile dello stesso anno, primo mese intero di vendite, la nuova compatta di Peugeot contava 657 unità immatricolate. È stata l’auto importata più venduta nel grande paese sudamericano, un ottimo segnale per un modello che aveva già confermato la produzione in Brasile e Argentina.

Il successo però portò a un problema: le code. Nel luglio del 1999, chiunque volesse una 206 avrebbe dovuto attendere circa 60 giorni per ricevere l’auto. Nello stesso mese, però, è iniziata la produzione nello stabilimento di El Palomar, nell’area metropolitana di Buenos Aires. In breve tempo, l’offerta per il mercato brasiliano divenne più regolare.

Nel frattempo, i lavori a Porto Real proseguirono a ritmo accelerato. Le linee di produzione sono entrate in funzione all’inizio del 2001, quando il Gruppo PSA avviò la produzione della Xsara Picasso, lanciata ad aprile.

Essendo un’auto con il più alto volume di vendite, la 206 nazionale ha subito un periodo più lungo di formazione dell’inventario e distribuzione da parte degli showroom. Le sue vendite sono iniziate il 28 giugno del 2001 con un motore a benzina da 1 litro e 16 valvole da 70 CV.

Nel corso della sua storia, la berlina ricevette diverse motorizzazioni, guadagnò le versioni station wagon e CC (Coupé Cabriolet), ebbe serie speciali con elementi esclusivi (come il tetto apribile in versione Moonlight) e concluse la sua storia con oltre 8 milioni di unità vendute in tutto il mondo.

Stellantis stabilimento Porto Real

Negli anni successivi arrivarono le 207 e 208

Importata dalla Francia o prodotta in Sud America, la Peugeot 206 è stata disponibile per 10 anni in Brasile. La sua sostituta fu la 207, che ebbe anche versioni esclusive: Passion e Hoggar. La stirpe è proseguita con la Peugeot 208, la cui produzione a Porto Real è iniziata nel gennaio del 2013.

La sua erede ha mantenuto il nome, ma è diventata un’auto completamente nuova. Prodotta a El Palomar da luglio 2020, l’attuale 208 si basa sulla piattaforma modulare CMP, che ha rivoluzionato la storia del marchio francese e oggi è presente in diversi modelli globali di Stellantis, sia elettrici che dotati di motore a combustione interna.

Questa piattaforma è presente anche in Brasile. Grazie a un investimento di 220 milioni di R$ (38,89 milioni di euro), annunciato a ottobre 2019, ha trasformato lo stabilimento Stellantis di Porto Real in uno dei più moderni al mondo in grado di produrre auto alimentate da qualsiasi tipo di alimentazione.

Looks like you have blocked notifications!