in

Fiat Chrysler: ecco di cosa hanno parlato Mike Manley e Donald Trump

Nella giornata di martedì scorso è avvenuto un incontro tra il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e alcuni importanti manager del mondo delle grandi imprese. Tra questi era presente anche il nuovo numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Mike Manley. Secondo quanto raccontato da un portavoce del gruppo italo americano, per quanto riguarda gli argomenti trattati durante l’incontro che si è svolto al golf club di proprietà di Trump nel New Jersey, Manley e Trump avrebbero parlato di questioni nazionali e globali. 

Fiat Chrysler: Mike Manley e Donald Trump hanno parlato di questioni nazionali e globali durante l’incontro di martedì

Dopo essere salito sull’Air Force One, Mike Manley scherzosamente avrebbe invitato Donald Trump a fare un giro in Jeep. Durante l’incontro le parti hanno ribadito la volontà di voler collaborare insieme attraverso una comunicazione aperta e costante. Il presidente ha intrattenuto un gruppo di 13 amministratori delegati e personale senior della Casa Bianca durante una cena nel bel mezzo della sua vacanza lavorativa annuale, martedì sera. La cena è stata annunciata come “un’opportunità per il presidente di sentire come sta andando l’economia e quali sono le loro priorità e i loro pensieri per il prossimo anno”.

Ma Trump ha trascorso una buona parte della cena condividendo i suoi pensieri, in particolare sulla Cina. Trump ha detto ai dirigenti che l’iniziativa “One Belt One Road Initiative” del presidente cinese Xi Jinping, “il piano economico della Cina che ha il potenziale per sconvolgere il commercio mondiale, era offensivo” e che non lo voleva. Trump ha detto che aveva condiviso la sua opinione con il Presidente cinese dicendogli in faccia ciò che pensava. 

FCA Mike Manley responsabile EMEA

Alla Cena oltre all’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, Mike Manley hanno preso parte anche l’amministratore delegato Pepsi Indra Nooyi, il CEO di Boeing Dennis Muilenburg, l’amministratore delegato Ernst & Young Mark Weinberger e l’amministratore delegato di Johnson & Johnson Alex Gorsky, solo per citarne alcuni. Il gruppo comprendeva alcuni amici di Trump di lungo tempo, come il magnate del supermercato John Catsimatidis, il CEO di Newsmax Chris Ruddy e lo sviluppatore immobiliare di New York City Richard LeFrak.