in

Ferrari 288 GTO Evoluzione: rarità assoluta all’asta

La Ferrari 288 GTO Evoluzione colmava un divario insistente fra la 288 GTO e la successiva F40; ora un esemplare viene proposto all’asta

Ferrari 288 GTO Evoluzione

Basta guardare una Ferrari 288 GTO Evoluzione e poi una Ferrari F40 per comprendere lo stretto rapporto di parentela fra le due. Non è un caso che entrambe siano nate sotto la importante gestazione dell’immenso ingegnere Nicola Materazzi. La Ferrari 288 GTO Evoluzione colmava infatti un divario insistente fra la 288 GTO e la successiva F40; ora un esemplare di questa rarissima sportiva del Cavallino Rampante, una fra le ultime nate sotto la gestione finale del Drake Enzo Ferrari, viene proposta all’asta da RM Sotheby’s.

A metà degli Anni ’80, il Gruppo B riscuoteva una popolarità incredibile tanto che poteva competere, in questi termini, con la Formula 1. Numerosi costruttori automobilistici avevano infatti deciso di prendere parte al Mondiale Rally, a cominciare da Audi, Lancia e Peugeot che disponevano di veicoli destinati a questo Gruppo.

A Maranello anche la Ferrari era desiderosa di fare il proprio ingresso nella classe regina dei rally, ma la classe riservata alle sportive di Gruppo B continuava ad essere dominata dalla BMW M1. A seguito dell’input e dell’autorizzazione di Enzo Ferrari, il Costruttore del Cavallino Rampante decise di presentare un’istanza tramite l’Automobile Club Italia per l’omologazione in Gruppo B della Ferrari 288 GTO. Il criterio di accettazione prevedeva che il costruttore fosse tenuto a produrre un minimo di 200 varianti del veicolo in questione. Il primo giugno del 1985, dopo aver avviato a pieno regime le catene di montaggio della fabbrica per completare la quantità richiesta di auto di produzione stradale, la FIA approvò formalmente la domanda della Ferrari. In allegato all’omologazione del modello, la FIA aveva consentito ai costruttori di costruire un numero minimo di 20 modelli Evoluzione all’anno, se richiesto, e ciò aveva consentito principalmente un miglioramento aggiuntivi rispetto ai miglioramenti aerodinamici e di cilindrata del motore previsti in precedenza. La costruzione era già in corso su molte delle versioni da competizione che si discostavano dalla Ferrari 288 GTO “tradizionale”.

Ferrari 288 GTO Evoluzione

La sportiva denominata Ferrari 288 GTO Evoluzione vide uno sviluppo particolarmente esasperato che però non gli consentì di militare in gara dato che nel frattempo le competizioni del Gruppo B vennero formalmente annullate, e la categoria definitivamente cancellata, a partire dal 1986 a seguito di una sequenza di sfortunati incidenti occorsi durante quella stessa stagione. All’inizio del 1987 erano state costruite solo cinque di queste ultime versioni da competizione dell’iconica supercar e l’ulteriore produzione prevista inizialmente cessò.

La Ferrari 288 GTO Evoluzione montava un propulsore particolarmente potente e soluzioni raffinate

Facendo un ulteriore passo in avanti con il concept, la Ferrari 288 GTO Evoluzione è diventata ancora più incentrata sulle competizioni con la collaborazione fornita all’ingegnere Materazzi dalla Michelotto eventualità che in un primo momento aveva fatto propendere sulla possibilità di approcciare la 288 GTO Evoluzione per un utilizzo destinato alla pista.

La carrozzeria aveva subito affinamenti ragionati presso la storica galleria del vento di Pininfarina che aveva rivisto l’utilizzo di alcuni materiali utilizzando Kevlar e fibra di vetro per ridurre il più possibile il peso, mentre l’ala posteriore era stata realizzata in fibra di carbonio.

Ferrari 288 GTO Evoluzione

Dotato di turbo più grandi e di una messa a punto ulteriormente raffinata, il motore Tipo F114 CK utilizzato a bordo della Ferrari 288 GTO Evoluzione erogava l’impressionante potenza di 650 cavalli, ovvero un incremento di oltre il 60% rispetto ai 400 cavalli erogati dalla variante stradale della 288 GTO. Inclinando la bilancia fino al valore di soli 940 kg, le prestazioni della 288 GTO Evoluzione risultavano davvero sbalorditive con una velocità massima dichiarata in rettilineo pari a 370 km/h. La Ferrari 288 GTO Evoluzione, in questo modo, disponeva di un rapporto peso/potenza pari a 1,61 Kg che supererebbe qualsiasi eventuale rivale dei nostri tempi. Sebbene questa incredibile vettura non abbia mai visto un confronto con la concorrenza, la 288 GTO Evoluzione si è rivelata fondamentale come banco di prova per lo sviluppo della iconica Ferrari F40; basta mettere le due sportive fianco a fianco e la somiglianza è immediatamente evidente e risulta anche più che superficiale.

Il telaio numero ZFFPX16X0J0079888 è il quarto delle cinque restanti Ferrari 288 GTO Evoluzione mai costruite. La produzione della sportiva è avvenuta a Maranello con l’assistenza di Michelotto, a Padova, e la vettura è stata ufficialmente completata nel 1988. Nel dicembre del 1988 la 288 GTO Evoluzione che sarà proposta all’asta da RM Sotheby’s a fine ottobre è stata venduta attraverso il leggendario Garage Francorchamps del Belgio di Jacques Swaters al famoso pilota e uomo d’affari belga Jean Blaton.

Ferrari 288 GTO Evoluzione

Blaton era un ricco industriale belga che spesso gareggiava sotto lo pseudonimo di “Beurlys”; successivamente strinse rapidamente un’amicizia con Jacques Swaters e guidò con il team belga Ecurie Francorchamps negli Anni ’50, ‘60 e ’70. Ha corso alla 24 Ore di Le Mans ben quindici volte, undici delle quali al volante di una Ferrari. È salito sul podio in quasi tutte le uscite e ha corso con una magnifica serie di Ferrari di quell’epoca, tra cui una 250 Testa Rossa, 250 LM, 250 GTO e una 330 P4. Aveva quindi un senso che una iconica Ferrari 288 GTO Evoluzione trovasse la sua strada verso uno dei piloti più legati alle vetture del Cavallino Rampante.

La 288 GTO Evoluzione è passata di mano in mano negli anni

Nel 1992 la Ferrari 288 GTO Evoluzione proposta all’asta era tornata di proprietà di Garage Francorchamps e Jacques Swaters, ed è rimasta con lui fino al 2006. La sportiva è stata poi venduta a un collezionista privato del Regno Unito mentre l’anno successivo fu venduta al miliardario canadese, Lawrence Stroll, che è un noto collezionista di Ferrari che a quel tempo stava assemblando una delle collezioni Ferrari più significative del pianeta.

Rimanendo nella collezione di Stroll per sei anni, l’auto è stata venduta a Rick White, in California, nell’aprile del 2013. L’anno successivo, la Ferrari 288 GTO Evoluzione è stata venduta a David SK Lee di Los Angeles prima di essere acquisita da David Raisbeck alla fine del 2014 e omologata per l’utilizzo stradale a suo nome nello stato del Minnesota. Di sua proprietà, l’auto è stata mostrata al Cavallino Classic 2015 dove ha vinto un premio Platinum e la Supercar Cup. L’anno successivo è stata presentata al Ferrari Club of America Annual Meet a Columbus, Ohio, nonché all’edizione speciale statunitense delle Finali Mondiali a Daytona. Questa vettura speciale è passata al suo attuale proprietario europeo nel 2019, dove è stata accuratamente curata sin dalla sua acquisizione.

Ferrari 288 GTO Evoluzione

Più recentemente, la Ferrari 288 GTO Evoluzione telaio numero ZFFPX16X0J0079888 è stata inviata alla Michelotto di Padova per una serie di lavori estetici e meccanici, compreso un tagliando completo. Numerose parti deperibili sono state sostituite, comprese le tubazioni del carburante, le tubazioni dell’olio, le tubazioni del liquido dei freni e le cuffie dell’albero di trasmissione. Gli ammortizzatori delle sospensioni e le pinze dei freni sono stati revisionati, insieme alla pompa dell’acqua ed entrambi i turbo. Sono state montate nuove gomme e tutte e quattro le ruote sono state revisionate. Anche il cambio originale è stato revisionato in modo da poter sostituire tutte le guarnizioni interne e l’albero della frizione.

Esteticamente, la sportiva dell’ingegnere Nicola Materazzi è stata completamente riverniciata nell’iconico Rosso Corsa originale e le coperture del cruscotto, i rivestimenti dei sedili, le cinture di sicurezza, i finestrini delle portiere e il vetro dello specchietto retrovisore sono stati tutti sostituiti. Nel vano motore sono stati lucidati il ​​sistema di aspirazione e lo scambiatore di calore, mentre i coperchi delle testate sono stati riverniciati. Tutti i lavori eseguiti sulla vettura da Michelotto sono costati complessivamente oltre 133.000 euro, lasciando la vettura in ottime condizioni meccaniche sia all’interno che all’esterno. Questi lavori sono stati certificati su un libretto degli assegni e si dimostra in effetti in condizioni generali eccezionali per cominciare, attestando la qualità e la provenienza dell’auto. Oggi, la Ferrari 288 GTO Evoluzione è completamente pronta per essere utilizzata e goduta se il suo prossimo proprietario cerca di godersi le emozioni di una delle Ferrari più rare ed emozionanti in pista.

Ferrari 288 GTO Evoluzione

Caso affascinante dell’ultima vettura da corsa GT diretta da Enzo Ferrari e prima versione da corsa della leggendaria serie di supercar Ferrari, la 288 GTO Evoluzione rimane oggi una delle Ferrari da competizione più rare e ricercate mai costruite. Raramente vista in pubblico e spesso nascosta nelle collezioni più importanti del mondo, l’opportunità di acquisirne una è ancora più una rarità che avere la possibilità di vederne una a un concorso o in un museo. Senza dubbio la Ferrari più radicale degli Anni ’80; l’opportunità di acquisire questa vettura sensazionale è un must per qualsiasi collezione Ferrari focalizzata su supercar o auto da corsa.

Looks like you have blocked notifications!