in

Ferrari BB: Fioravanti svela il motivo per cui venne chiamata in questo modo

Il design adottato sulla super coupé con motore V12 centrale prese ispirazione da una delle attrici più famose degli anni ’70

Ferrari BB Leonardo Fioravanti

Il celebre designer Leonardo Fioravanti ha svelato nelle scorse ore, nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica, una notizia molto interessante. Prima di rivelarvela, vi ricordiamo che Fioravanti ha disegnato per Pininfarina diversi modelli Ferrari che hanno segnato la storia. Esempi sono la Daytona, la 308, la 365 GT 2 + 2 e la Ferrari BB di cui vi parleremo in questo articolo.

La prima coupé sportiva del cavallino rampante con motore centrale V12, ossia la Ferrari BB, è stata una delle auto più belle disegnate dal designer. Egli ha rivelato a La Repubblica che per la realizzazione del design di questa vettura si è ispirato alle forme di Brigitte Bardot. In particolare, egli ha detto “Sì, la Ferrari 512BB si chiamava così in onore di Brigitte Bardot“.

Ferrari BB Leonardo Fioravanti

Ferrari BB: il designer Fioravanti rivela che la vettura venne chiamata per onorare Brigitte Bardot

Leonardo Fioravanti ha continuato dicendo “Mentre lavoravamo alla definizione del prototipo, insieme ad Angelo Bellei e a Sergio Scaglietti – miei riferimenti operativi a Maranello, ci innamoriamo letteralmente di quella nuova Ferrari, la prima a motore centrale nella storia del Cavallino. Ci sembrava bellissima“.

Per questo, la vettura venne ribattezzata Brigitte Bardot tramite l’abbreviazione BB, proprio come veniva chiamata la celebre attrice in tutto il mondo nei primi anni ’70 quando aveva raggiunto il vertice nella sua carriera.

Ferrari BB Leonardo Fioravanti

Non è finita qui poiché il designer ha detto anche che “Il coinvolgimento emotivo era forte. Continuando con il lavoro di messa a punto era diventato naturale chiamare quella macchina BB in tutti i reparti Ferrari coinvolti nello sviluppo. Alla fine, era diventato talmente naturale chiamare la macchina così che dopo tante ore di lavoro Bridgitte Bardot, BB rimase“.

Dato che Ferrari non ha potuto commercializzare una Ferrari Brigitte Bardot, scelse di attribuire il nome di Berlinetta Boxer all’acronimo BB. Questo, però, ha rappresentato una sorta di forzatura.

Leonardo Fioravanti, infatti, spiega che il nome non era molto esatto poiché Berlinetta si riferiva a un’auto con motore montato anteriormente e una carrozzeria simile a quella di una berlina mentre la Ferrari BB era una supercar con motore centrale. La stessa cosa vale per il termine Boxer in quanto il propulsore presente nella 512BB non era un motore boxer ma un V12 con angolazione di 180°.