in

Ferrari: Mekies non vuole che Leclerc cambi stile di guida

Ferrari: Laurent Mekies ha detto che l’umore della squadra è buono per questa seconda parte di stagione e la speranza di recuperare il terreno perso è forte

Charles Leclerc

Forse la Ferrari avrebbe voluto affrontare la pausa estiva in una posizione di classifica un po’ migliore, ma l’umore a Maranello è comunque ancora buono. Questo è ciò che Laurent Mekies afferma a Formula1.com. Secondo il direttore sportivo del cavallino rampante, tutti alla Ferrari sono fiduciosi di colmare il divario con la Red Bull Racing nel campionato del mondo in corso.

Ferrari: l’umore è buono in attesa della seconda parte di stagione

Sebbene la Ferrari possa aver avuto la migliore vettura in campo per tutta la prima metà della stagione, è ancora molto indietro in Coppa del Mondo. Max Verstappen ha 80 punti di vantaggio su Leclerc, mentre il distacco tra Red Bull e Ferrari dopo tredici Gran Premi è salito a quasi cento punti.

“L’umore nel team è al massimo, perché persone come Charles Leclerc, Carlos Sainz e Mattia Binotto guidano la squadra in tutte le situazioni”, ha detto Mekies.” Avere momenti brutti capita a tutti e penso che la differenza derivi da questo tipo di leadership”, ha detto Mekies una settimana e mezza prima dell’inizio del weekend del Gran Premio del Belgio.

Leclerc
Ferrari: Laurent Mekies ha detto che l’umore della squadra è buono per questa seconda parte di stagione e la speranza di recuperare il terreno perso è forte

“Sono in grado, qualunque cosa accada, di premere il pulsante di reset, di riunire tutti, di guardare indietro a quello che è successo, di imparare da ciò e di guardare alla prossima gara con un sorriso e con più motivazione rispetto alla gara precedente”. Mekies rivela inoltre che non vuole che Charles Leclerc cambi il suo stile di guida nella seconda metà della stagione.

Secondo Mekies, il monegasco è stato “davvero impressionante” all’inizio dell’anno e piccoli errori fanno parte del gioco. Vedremo dunque come inizierà questa seconda parte di stagione per la scuderia del cavallino rampante.

Ti potrebbe interessare: Ferrari, Binotto: “perché abbiamo preferito le prestazioni all’affidabilità”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!