in

Fiorio: “C’è qualcosa che non va alla Ferrari”

Fiorio assicura che la Scuderia ha un problema da risolvere e sottolinea che non si tratta dei suoi piloti

Ferrari Carlos Sainz

Ferrari ha fatto un grande passo avanti in questa stagione, ma i risultati e la classifica di Coppa del Mondo non riflettono ciò. Per questo Cesare Fiorio, ex direttore sportivo della Ferrari, assicura che la Scuderia ha un problema da risolvere e sottolinea che non si tratta dei suoi piloti.

La Ferrari ha un problema secondo Cesare Fiorio

“Fondamentalmente, devi ammettere che Mattia Binotto ha reso la Ferrari una squadra in grado di vincere ogni gara “, ha detto Fiorio in una nota pubblicata da La Gazzetta dello Sport. “Binotto è stato un grande ingegnere, prima come specialista dei motori, poi come direttore tecnico, ma il suo lavoro oggi è molto diverso”, ha aggiunto.

Nonostante questo, i risultati della squadra non lo mostrano. Fiorio, quindi, ritiene che la Scuderia abbia un problema serio e che Binotto dovrebbe essere incaricato di trovare la soluzione. “Qualcosa non va alla Ferrari, si commettono errori. Binotto deve andare fino in fondo, questa è la sua sfida più grande adesso. Deve trovare soluzioni per far lavorare meglio la squadra”, ha assicurato.

“Oggi in Formula 1, tutto deve funzionare quasi perfettamente per vincere. Ai tempi di Todt e Schumacher era diverso. La Ferrari a volte aveva una macchina così palesemente superiore che un errore o l’altro potevano essere nascosti. Oggi non è più possibile”, ha dettagliato.

Allo stesso modo, l’ex direttore sportivo assicura che i piloti sono esenti da colpe in questa situazione e considera il duo Sainz e Leclerc uno dei migliori in griglia. ” I piloti non sono da biasimare “, ha detto.

“La Ferrari ha due grandi piloti. Per me sono entrambi tra i primi cinque in Formula 1. Leclerc è incredibilmente veloce in qualifica e Sainz è un pilota favoloso. Entrambi sono abbastanza bravi da vincere il Campionato Costruttori per la Ferrari. Lo farei non cambia mai nulla nella formazione dei piloti”, ha detto.

Uno degli aspetti che Fiorio ritiene da rivedere sono le decisioni strategiche, dal momento che sottolinea che questo tipo di decisioni dovrebbe basarsi sull’istinto e sull’esperienza e non su tanti calcoli matematici.

“Penso che strutture moderne come un centro di comando remoto siano assurde. Quella stanza nella fabbrica, dove gli specialisti dovrebbero supportare la squadra, rende tutto più complicato “, ha spiegato.

Charles Leclerc

Le decisioni prese in pochi secondi che fanno la differenza tra vittoria e sconfitta devono basarsi sull’istinto e sull’esperienza dei professionisti sul campo, non su decine di migliaia di calcoli”, ha spiegato. “Non mancano mai i sapientoni che stanno comodamente seduti sul divano di casa e che non sono sotto pressione in pista”, ha detto in chiusura.

Ti potrebbe interessare: Ferrari conquista la sua prima vittoria nel China Endurance Championship

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!