in

F1, Leclerc: la Ferrari prepara un grosso azzardo per Baku

Per il GP di Baku la Ferrari mira ad assumere un grosso rischio con Charles Leclerc pur di scongiurare la fuga iridata della Red Bull.

Charles Leclerc
Charles Leclerc al muretto Ferrari dopo il clamoroso ritiro

Gli errori di strategia commessi a Montecarlo hanno mandato in fumo ogni sogno di gloria di Charles Leclerc. Nonostante un week-end fin lì soddisfacente, da vero protagonista, il 24enne della Rossa si è alla fine dovuto accontentare del quarto posto. Ma il tempo dei rimorsi è finito perché l’occasione del riscatto dista solo pochi giorni.

Ferrari già pronta al tutto per tutto con Leclerc

Charles Leclerc

Al Gran Premio dell’Azerbaijan il team di Mattia Binotto ha l’obbligo di rimettersi in piedi per tenere vivo il discorso Mondiale. Messa già con le spalle al muro, la compagine di Maranello ha, senza se e senza ma, il compito di adottare modifiche in vista di Baku. Lungo il circuito cittadino sarà richiesto uno sforzo supplementare, onde evitare di veder scappare i “bibitari”, malgrado ciò significhi effettuare un grosso azzardo per il prosieguo della stagione.

Difatti, per il fine settimana in terra azera il Cavallino sarebbe intenzionato a montare sulle monoposto di Leclerc e Sainz la seconda power unit stagionale (già smarcata a Miami da Charles e a Imola da Carlos) ma con l’aggiunta del terzo ricambio di Turbo e MGU-H per conferire un’ulteriore spinta alla F1-75 nel rettilineo del tracciato di 2,2 km.

Charles Leclerc

Con un simile azzardo la Ferrari pone entrambi i suoi alfieri a serio rischio penalità già a partire dal prossimo GP in calendario. Difatti, il regolamento della Formula Uno permette di utilizzare appena 3 unità per ciascun componente in una singola stagione prima che partano le sanzioni, da scontare in griglia di partenza. Premesso che turbo e MGU-H impiegate a Barcellona non sono più usufruibili e i 15 GP ancora da disputare, è scontato che Leclerc dovrà scontare tali penalità.

È da scartare a priori l’ipotesi che il monegasco non abbia l’obbligo di adottare ulteriori nuovi pezzi sulla sua F1-75 nei 14 Grand Prix in calendario dopo Baku così come appare quasi un’utopia la prospettiva di terminare l’annata avvalendosi esclusivamente di un’altra nuova power unit. Ciò andrebbe a esercitare ulteriore pressioni sul predestinato a ridosso del GP dell’Azerbaijan. Nel caso in cui non riuscisse a guadagnare punti nei confronti di Verstappen le chance iridate diminuirebbero in misura drastica.