in

Fiat: in Serbia i lavoratori protestano contro i licenziamenti

Sciopero contro i possibili licenziamenti previsti da Fiat a Kragujevac con lo stop alla produzione di Fiat 500L

Fiat Chrysler Serbia
Fiat Chrysler Serbia

Giovedì 2 giugno, i lavoratori dell’azienda automobilistica Fiat a Kragujevac, in Serbia, hanno organizzato una protesta contro i licenziamenti annunciati dalla direzione. La protesta ha costretto la direzione a sospendere il lavoro in fabbrica per il primo turno di giovedì. Tutti i lavoratori dello stabilimento hanno aderito alla protesta, indetta da un coordinamento sindacale in risposta alla decisione della direzione di licenziare circa 1.541 lavoratori dopo aver dato loro un TFR mentre il resto sarebbe stato ricollocato negli stabilimenti Fiat in altre parti d’Europa.

Fiat: in Serbia i lavoratori scioperano contro i licenziamenti

Attualmente gli interlocutori di governo stanno dialogando con la dirigenza Fiat. I sindacati hanno annunciato che se non ci saranno progressi nei colloqui fino al 7 giugno, andranno per altre proteste, compresi gli scioperi. Fiat Chrysler Automobiles Serbia è una joint venture di Stellantis Italia (67%) e governo serbo (33%). Il suo stabilimento di Kragujevac impiega direttamente più di 2.000 dipendenti ed è stato principalmente coinvolto nella produzione di Fiat 500L. 

Di recente, la direzione ha annunciato che lo stabilimento sarebbe stato chiuso e ristrutturato per passare alla produzione di nuovi modelli di auto elettriche entro il 2024 poiché il modello Fiat 500L è considerato obsoleto e la sua domanda e produzione sono notevolmente diminuite. Nell’ambito di questo piano, la società ha annunciato un’indennità di fine rapporto di 4.000 euro a molti dei dipendenti mentre il resto sarebbe stato inviato negli stabilimenti Stellantis all’estero per due anni.

I sindacati ei lavoratori dello stabilimento si sono opposti con veemenza a questa proposta della direzione e hanno deciso di protestare. La stampa serba ha riferito che i lavoratori Fiat e i rappresentanti di tutti i sindacati dell’azienda hanno firmato un memorandum con le loro richieste e lo hanno inviato al primo ministro serbo Ana Brnabic chiedendo un intervento immediato per risolvere le loro lamentele.

Nel loro memorandum, i lavoratori hanno chiesto che il rinvio al lavoro all’estero dovrebbe essere effettuato secondo le leggi della Repubblica di Serbia e che ai lavoratori deve essere garantito il lavoro al loro ritorno nel paese. Hanno anche chiesto che i lavoratori che entrano in un programma di esubero debbano essere compensati in base all’importo pagato al momento della chiusura del terzo turno dello stabilimento nel 2016.

Zoran Miljkovic, presidente del comitato che ha organizzato lo sciopero nello stabilimento di Fiat, ha detto che “lo Stato deve aiutare i lavoratori, non può metterci in una situazione difficile mentre dà soldi agli investitori stranieri. Lo stato come comproprietario dell’azienda può assolutamente partecipare al programma sociale e sostenerci e proteggerci dal licenziamento: è una bugia che non possano farlo”.

Fiat Chrysler Kragujevac
Fiat Chrysler Kragujevac

Il Partito della Sinistra Radicale (PRL) in Serbia ha espresso solidarietà ai lavoratori Fiat e ha affermato che “PRL è al fianco dei lavoratori Fiat nella lotta contro l’arroganza dei datori di lavoro e la negligenza del governo. Nessuno dovrebbe essere costretto ad abbandonare i propri amici e la propria famiglia per garantirsi la sopravvivenza”.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler Serbia: dipendenti in aspettativa fino al 4 ottobre