in

Stellantis: ecco perché Carlos Tavares punta forte sull’India

Carlos Tavares punta forte sull’India con un piano di 9 anni che si articolerà in più fasi

Stellantis logo

Durante un recente incontro virtuale con giornalisti indiani selezionati a Chennai, il CEO di Stellantis Carlos Tavares ha ribadito che il suo gruppo punterà forte su quel mercato e in particolare con i suoi marchi Jeep e Citroen. L’azienda ha elaborato un piano novennale con tre tappe di tre anni ciascuna. “L’India raddoppierà di gran lunga i ricavi netti perché stiamo facendo crescere la nostra attività”, ha affermato.

Stellantis: Carlos Tavares punta forte sull’India con un piano di 9 anni che si articolerà in più fasi

Tavares è fiducioso che nel giro di un paio d’anni, Stellantis dovrebbe arrivare ad avere un margine a due cifre in India come avviene già nel resto della regione. “Il resto della regione dell’Asia-Pacifico è già significativamente al di sopra della doppia cifra e si impegna a sostenere l’obiettivo aziendale che deve essere completato entro il 2030″, ha spiegato Tavares.

L’India come regione “raddoppierà i suoi profitti entro questo tempo” e nella seconda parte del piano i progressi saranno “chiaramente visibili a tutti noi”. La fiducia deriva dal fatto che in questo esercizio è stata dedicata molta preparazione con un arduo lavoro svolto per molti anni sulla localizzazione e l’integrazione verticale.

Tavares ha chiarito che la sua azienda è in india per rimanere e non si sarebbe unita all’elenco delle case automobilistiche – la più recente delle quali Ford – che hanno detto addio al paese. “Abbiamo fatto molta strada e crediamo nella globalizzazione. Non pensiamo che la frammentazione sia la buona direzione per l’umanità e molti dei problemi che l’umanità sta affrontando in questo momento, a cominciare dal riscaldamento globale, sono problemi globali”, ha spiegato.

Dal suo punto di vista, Stellantis vuole portare la migliore tecnologia al “numero più alto possibile di cittadini” nel mondo affinché possano godere della libertà di mobilità che è sicura, pulita e conveniente. “Direi che l’ambizione ora è cresciuta perché Stellantis è molto più grande dell’essere FCA o PSA” ha detto Tavares.

Il numero uno di Stellantis si è detto anche fiducioso che sarebbe possibile essere redditizi in India se “fai le cose alla maniera indiana”. Il motivo per cui alcune case automobilistiche occidentali hanno fallito è dovuto al fatto che non hanno riconosciuto che se “vogliono essere redditizi, devono fare le cose alla maniera indiana in India”.

Questo significava essere veloci, frugali e capire di cosa ha veramente bisogno il cliente. La chiave è non imporre al cliente cose per cui non sarà disposto a pagare. “Questo è il motivo per cui progettiamo automobili in India. Molti veicoli portati dall’estero hanno caratteristiche e attrezzature che potrebbero non essere totalmente apprezzate dai consumatori indiani e non sono pronti a pagarle”, ha affermato Tavares.

Carlos Tavares

È quindi importante concentrarsi su una “localizzazione molto profonda” di oltre il 95 percento e questo è confermato dall’impianto del gruppo propulsore. “Se non localizzi piattaforma, motore e cambio, dimenticalo. Non raggiungerai mai il 95 per ceno del tasso di localizzazione”, ha aggiunto.

Al di là della frugalità, ha continuato Tavares, l’India è un luogo di innovazione e “crediamo che possiamo e dobbiamo osare innovare l’India nei diversi modi di andare al mercato”. Jeep e Citroen saranno i due marchi che alimenteranno Stellantis in India. Il primo ha avuto “un enorme successo” in tutto il mondo in termini di utilizzo di propulsori elettrificati.

Ti potrebbe interessare: Stellantis leader nella vendite di auto elettriche e ibride in Portogallo