in

Leclerc si è schiantato con la mitica Ferrari di Lauda (Video)

Continua la maledizione dell’attuale numero uno del campionato di F1 a Montecarlo

Leclerc

La fortuna non accompagna ancora Charles Leclerc per le strade di Montecarlo. Il leader della Coppa del Mondo di Formula 1 del 2022 conosce ogni curva a memoria, dato che è cresciuto e continua a vivere nel Principato. Il monegasco però non è stato fino ad ora profeta in patria ed infatti ha sperimentato i guardrail del principato in più di un’occasione.

Leclerc: a Montecarlo incidente anche con la monoposto di Niki Lauda

L’attuale leader del campionato di Formula 1 ha esteso la sua storia nera con il circuito di casa questa domenica durante la celebrazione del Gran Premio Storico di Monaco. Precedendo ogni anno il GP di Monaco di F1, questo evento speciale è l’occasione perfetta per mostrare le auto da corsa più classiche del motorsport.

Per tutto il weekend del 14 e 15 maggio sono state protagoniste mitiche monoposto di F1 come la Maserati 250F o modelli che hanno vinto il mondiale nel passato come quelle di Lotus e Williams, senza dimenticare tanti altri gioielli classici che hanno percorso i 3.337 metri dell’iconico circuito di Monaco.

Non è raro che personalità legate al mondo dei motori siano invitate a questo storico evento e per questa edizione Charles Leclerc è stato chiamato dalla Scuderia per provare la Ferrari 312 B3 che Niki Lauda ha guidato nella stagione 1974.

Fin qui tutto bene, sarebbe stata solo una esibizione. Ma come pilota professionista, il tuo cuore ti chiede sempre di spremere di più dall’auto… E Leclerc si è bruciato mentre giocava con il fuoco. Il pilota 24enne si è schiantato con l’auto italiana a La Rascasse, danneggiando la parte posteriore dell’auto. Addio allo spoiler e imbarazzo assoluto di Charles per le strade di Montecarlo.

Leclerc è sceso dall’auto, imbarazzato per il suo errore e si è subito scusato sui social: “Quando pensavi di aver già avuto tutta la sfortuna del mondo a Monaco, a La Rascasse perdi i freni con una delle auto più iconiche nella storia della Formula 1″, ha scritto su Twitter.

Il fatto è che non è la prima disgrazia di Leclerc nel Principato: tutto è iniziato nel 2017 in F2, quando si ritirò per problemi alla sua PREMA dopo aver ottenuto la pole position. L’anno successivo sono stati i freni dell’Alfa Romeo-Sauber a tradirlo mentre nel 2019 si ritirò con la Ferrari, proprio per un tocco a La Rascasse.

Nella scorsa edizione Charles ha ottenuto la pole con un incidente incluso, ma domenica non ha potuto partecipare alla gara a causa di un problema ad uno dei suoi semiassi. La maledizione di Leclerc continua a Monte Carlo. Si spera ovviamente che il maleficio si possa interrompere tra due settimane quando si correrà il GP di Monaco 2022.

Dodge Hornet: ecco una nuova ipotesi [RENDER]