in

Zhou: il primo punto al debutto con Alfa Romeo è un sogno

Guanyu Zhou: il giovane pilota cinese di Alfa Romeo F1 Team si dice orgoglioso e contento del suo debutto in Formula 1

Guanyu Zhou

Il pilota cinese di Alfa Romeo Zhou Guanyu ha debuttato domenica in Bahrain, ottenendo un punto per la sua squadra. Zhou, il primo pilota cinese in Formula 1, ha concluso con un ottimo decimo posto alla sua prima apparizione, con il compagno di squadra Valtteri Bottas che ha ottenuto un brillante sesto posto mentre Alfa Romeo F1 Team Orlen ha ottenuto il suo primo doppio piazzamento dal Gran Premio dell’Emilia Romagna del 2020.

Debutto da sogno per il giovane cinese Zhou che non nasconde la gioia

L’esordiente intervistato dopo il Gran Premio ha detto di essere rimasto davvero senza parole per l’ottimo inizio della sua carriera in Formula 1. Il giovane cinese ha detto che ipotizzare un avvio di campionato con un piazzamento in zona punti era qualcosa che fino a qualche settimana fa probabilmente non avrebbe nemmeno sognato.

Zhou si è detto felice ed orgoglioso di quanto ottenuto e ha ringraziato il suo team che con il loro lavoro incessante gli hanno permesso di ottenere questo risultato. Zhou è anche riuscito a compiere una serie di sorpassi rimontando diverse posizioni nel corso del suo primo Gran Premio di Formula 1. Ad un certo punto il cinese si è ritrovato a tu per tu con Lewis Hamilton superando il sette volte campione del mondo dopo che questi era appena rientrato in pista dopo il cambio gomme.

Guanyu Zhou
Guanyu Zhou: il giovane pilota cinese di Alfa Romeo F1 Team si dice orgoglioso e contento del suo debutto in Formula 1 che è andato sicuramente meglio delle più rosee aspettative

Insomma un inizio di stagione che fa ben sperare per il giovane pilota cinese e più in generale per il team Alfa Romeo F1 Orlen che dopo anni difficili quest’anno sembra aver avuto un netto miglioramento.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Tonale: il SUV di segmento C della casa automobilistica del Biscione in pista con i piloti Valtteri Bottas e Zhou Guanyu