in

Fiat: ecco i dati di vendita dei principali mercati mondiali da gennaio a maggio

I primi 5 mesi del 2018 si chiudono per Fiat con dati positivi soltanto in Argentina

Fiat dati vendita primi 5 mesi 2018

L’Investor Day di Balocco ha portato l’annuncio dei nuovi piani industriali di Alfa Romeo, Maserati, Jeep e Ram. Tuttavia, sono rimasti fuori due dei marchi storici appartenenti a Fiat Chrysler Automobiles: Lancia e Fiat. Molti si aspettavano che Sergio Marchionne avrebbe annunciato delle nuove auto pronte ad arricchire la gamma per il mercato italiano delle due società.

In particolare, Fiat accoglierà nei prossimi anni soltanto le nuove generazioni delle 500 e della Panda. Nei primi 5 mesi di quest’anno, le vendite raggiunte dal celebre marchio torinese nei principali mercati auto del mondo sono state molto poche.

Fiat dati vendita primi 5 mesi 2018

Fiat: quello argentino è l’unico mercato positivo per il celebre marchio italiano

Ad esempio, il marchio italiano è riuscito a vendere in Europa, da gennaio a maggio, 271.761 esemplari che si traduce in un calo dell’8,4% rispetto allo stesso periodo del 2017. In particolare, in Italia le immatricolazioni sono diminuite del 16,55%.

Il brutto momento non riguarda soltanto il mercato europeo. Infatti, negli Stati Uniti è stato registrato un vero e proprio crollo di Fiat dove ha consegnato soli 6859 veicoli nei primi 5 mesi di quest’anno che si traduce in un calo del 44,9%.

Fiat dati vendita primi 5 mesi 2018

In Canada, il celebre marchio torinese ha chiuso gennaio-maggio con 304 immatricolazioni ottenendo un calo dell’82,6% mentre in Russia le consegne sono state di 647, registrando un calo del 21,8%. Precisiamo che nel mercato russo è disponibile soltanto la Fiat 500 nelle versioni Pop e S. Un altro dato negativo per Fiat arriva dall’Australia dove sono state consegnate 742 unità mentre il calo è stato del 25,7%.

In Brasile, invece, la casa automobilistica di FCA ha perso il 5,5% con 66.408 esemplari consegnati. Per fortuna un dato positivo per Fiat arriva dall’Argentina che ha rappresentato uno dei mercati più fiorenti per quanto riguarda i primi 5 mesi del 2018. In particolare, qui lo storico brand di Torino è riuscito a consegnare 45.674 esemplari, registrando una crescita del 19,8%.