in

Ricarica rapida: in Europa è ancora poco diffusa

È necessario aumentare i punti di ricarica rapida per convincere più automobilisti al passaggio

ACEA (Associazione di costruttori automobilistici europei) ha rivelato nelle scorse ore che le colonnine di ricarica pubbliche in Europa sono ancora poche e soprattutto lente in quanto quelle fast rappresentano soltanto l’11,1% del totale.

In questo momento, i governi e le istituzioni europei stanno discutendo del regolamento sulle infrastrutture per i combustibili alternativi (AFIR) che fa parte del piano Fit for 55 contro l’inquinamento.

Colonnine di ricarica Europa ACEA
La tabella delle colonnine di ricarica presenti in Europa

Ricarica rapida: in Italia ci sono solo 1231 colonnine fast

In tutta l’Unione Europea, i caricatori pubblici disponibili in questo momento sono circa 225.000, secondo ACEA. Tuttavia, soltanto 25.000 mettono a disposizione la ricarica rapida. Dunque, soltanto 1 punto di ricarica su 9 è fast con una potenza superiore a 22 kW.

L’associazione afferma che per spingere ancor di più le immatricolazioni di veicoli elettrici, e quindi convincere più automobilisti ad effettuare il passaggio da un motore endotermico a uno elettrico, è necessario aumentare il numero di caricatori pubblici fast.

Eric-Mark Huitema, direttore generale di ACEA, afferma che le persone hanno bisogno di vedere molti caricabatterie nel quotidiano e devono essere facili da utilizzare e soprattutto veloci per non dover aspettare a lungo in coda.

La distribuzione di punti di ricarica non è regolare

Come è possibile vedere nella tabella, la distribuzione delle colonnine di ricarica rapida in Europa è molto irregolare. Ad esempio, in Italia abbiamo 11.842 punti di ricarica standard e soli 1231 fast.

La percentuale più alta di stazioni di ricarica rapida è presente in Germania con 7325 a fronte dei 37.213 disponibili con ricarica standard. Da notare l’irregolarità presente nei Paesi Bassi e in Francia. Nel primo caso abbiamo ben 64.236 colonnine di ricarica pubblica standard e soli 2429 con ricarica rapida. Nel secondo, invece, abbiamo 42.000 punti di ricarica standard e soli 3751 con fast charge.

In Estonia, ci sono 223 stazioni ricarica standard e 176 con ricarica fast mentre in Repubblica Ceca addirittura ci sono 590 standard e 610 fast. Poi c’è Malta in cui ci sono solo 96 colonnine di ricarica standard e al momento nessuna con ricarica fast.

Huitema di ACEA ha concluso dicendo che “la ricarica dovrebbe essere comoda e semplice come lo è oggi il rifornimento di carburante. Purtroppo la proposta AFIR è ben lontana dal raggiungere questo obiettivo ed è assolutamente disallineata a quel che servirebbe per il raggiungimento degli obiettivi proposti per le auto riguardo le emissioni di CO2”.

Looks like you have blocked notifications!