in

Voltia produrrà furgoni elettrici su piattaforma Stellantis

Voltia ha annunciato il lancio di cinque nuovi modelli di furgoni XL elettrici su piattaforma di Stellantis

Voltia

Arrivano novità interessanti per Stellantis. Infatti la società di conversione di veicoli elettrici Voltia ha annunciato il lancio di cinque nuovi modelli di furgoni XL elettrici. I nuovi furgoni da 11 metri cubi si basano sulla piattaforma Stellantis per veicoli Peugeot, Citroën, Opel, Vauxhall e Toyota. Questi sono i modelli di furgoni basati sulla piattaforma EMP2, offerti come Citroën ë-Jumpy, Peugeot e-Expert, Opel/Vauxhall Vivaro-e e Toyota Proace Electric. Il motore elettrico, che non verrà modificato nel corso delle conversioni ha una potenza di 100 kW.

Le conversioni dello specialista slovacco interessano solo la carrozzeria, in particolare il vano di carico. Mentre i modelli Stellantis e Toyota sono offerti in tre lunghezze del veicolo (4,60 metri, 4,95 metri e 5,30 metri), Voltia utilizza solo la versione da 5,30 metri.

La lunghezza complessiva e il passo rimangono gli stessi, la conversione è più o meno una versione a tetto alto del familiare Transporter. In altre parole, il vano di carico è ancora lungo 2,86 metri e largo 1,65 metri a livello del suolo. Tuttavia, Voltia solleva il tetto del vano di carico di 80 centimetri fino a 2,20 metri ed estende il vano di carico in avanti sopra l’abitacolo, guadagnando qui altri 90 centimetri di lunghezza. La doppia porta nella parte posteriore del furgone è alta 1,85 metri dopo la conversione.

Con tutti questi accorgimenti Voltia precisa il nuovo volume di carico in undici metri cubi. In allestimento standard, nei modelli è possibile un volume di carico di 6,6 metri cubi, nella versione corta addirittura solo 4,6 metri cubi. Voltia afferma che il carico utile va da 800 a 1.000 chilogrammi, ovvero 275 chilogrammi in meno rispetto alla versione standard a causa del corpo.

Voltia offrirà anche entrambe le note dimensioni della batteria, ovvero l’accumulatore di energia da 50 o 75 kWh. Mentre quest’ultimo dovrebbe consentire fino a 330 chilometri secondo WLTP senza la carrozzeria con tetto alto, l’alto vano di carico con il suo peso aggiuntivo e la maggiore resistenza all’aria costa circa 50 chilometri di autonomia.

Per l’uso previsto, che è principalmente nelle consegne dell’ultimo miglio, questi valori sono sufficienti. Per la ricarica in AC, Voltia offrirà sia il caricabatterie da 7,4 kW che il caricabatterie di bordo trifase da 11 kW. La capacità di carica in CC è nota per essere di 100 kW: la batteria piccola viene quindi caricata all’80% in circa 30 minuti, mentre la batteria grande impiega 45 minuti.

Ti potrebbe interessare: Stellantis: in Canada si cerca di impedire il taglio di 1.800 posti

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento