in ,

Ferrari ha in serbo una monoposto competitiva per il 2022

La designazione interna del progetto Ferrari 2022 è 674

Ferrari ha faticato parecchio a salire sul podio negli ultimi due anni in Formula 1, ma per fortuna le cose stanno cambiando. Ha scommesso parecchio sulle nuove modifiche alle regole aerodinamiche in arrivo nel 2022 e inoltre sta lavorando ad un nuovo concept aerodinamico competitivo, oltre al nuovo grande aggiornamento per la power unit. Nelle scorse ore, il giornalista italiano Giuliano Duchessa ha fornito un aggiornamento sullo sviluppo che è stato fatto a Maranello.

L’ala anteriore/naso è ora definita e sarà piuttosto aggressiva e significativamente diversa da quella che abbiamo visto a Silverstone, secondo una fonte affidabile. Per quanto riguarda i disegni, quelli del serbatoio, del telaio e delle sospensioni sono ormai completati. È sempre tutto relativo, ma i dati che escono dal simulatore ci soddisfano. A livello tecnico, circa 40 nuovi specialisti in simulazione e design sono arrivati a Maranello. Ogni reparto ha lavorato con meno distrazioni e in modo più efficace sui dettagli”, ha detto il giornalista.

Ferrari: la prossima monoposto di Formula 1 sarà parecchio competitiva

Ferrari ha anche attivato un nuovo simulatore e una nuova galleria del vento. Otterrà anche più tempo di sviluppo CFD grazie al prossimo P6, la sua peggiore performance in 40 anni. Il nuovo regolamento FIA prevede che la squadra, che ha fatto peggio, abbia più tempo a disposizione. Anche nel 2021, è attualmente in quarta posizione e quindi avrà più tempo di Red Bull, Mercedes e McLaren, i suoi principali concorrenti.

La Scuderia Ferrari ha inoltre rivelato che la designazione interna per il progetto Ferrari 2022 è 674. Non dimentichiamoci che la scuderia del cavallino rampante ha probabilmente la migliore formazione di piloti costituita da Charles Leclerc e Carlos Sainz Jr.

L’attuale Ferrari SF71H sta già mostrando segni di ripresa nonostante le restrizioni sullo sviluppo. Ferrari è riuscita ad aggiornare il motore e ciò ha permesso al pilota spagnolo di concludere il Gran Premio di Turchia con una performance niente male. Infine, l’attuale monoposto ora è tra le migliori per quanto riguarda meccanica e nelle curve lente.

Looks like you have blocked notifications!