in

Alfa Romeo, DS e Lancia saranno le prime a rinnovare la rete di vendita

Alfa Romeo e Lancia insieme a DS Automobiles saranno i primi marchi di Stellantis a vedere rinnovata la propria rete di vendita

Alfa Romeo

Stellantis avvierà una ristrutturazione della sua rete di concessionari europei, che inizierà nel giugno 2023, con i suoi marchi premium come Alfa Romeo e Lancia. Lo ha dichiarato il responsabile vendite e marketing europeo dell’azienda Giovedì.

Stellantis, costituita all’inizio dell’anno dalla fusione di Fiat Chrysler e il produttore di Peugeot PSA, ha annunciato a maggio che avrebbe completamente ristrutturato la sua rete di concessionari europei nel tentativo di adattarsi ai cambiamenti nel settore portati dall’elettrificazione, incluso un boom nelle vendite online per raggiungere le sinergie promesse post fusione. Stellantis rescinderà tutti gli attuali contratti di vendita e assistenza con i rivenditori europei per i suoi 14 marchi, con effetto da giugno 2023.

L’azienda sta ancora esplorando opzioni su come strutturare le relazioni future con i concessionari, ma si sta muovendo verso un “modello di agenzia”, ​​ha affermato il responsabile delle vendite europee Maria Grazia Davino, riferendosi a un accordo in cui le case automobilistiche assumono un maggiore controllo delle transazioni di vendita mentre i concessionari si concentrano sulle consegne e assistenza, cessando di fungere da partner contrattuale del cliente.

“Per essere trasparenti, stiamo ancora costruendo ciò”, ha detto Davino in una conferenza automobilistica a Nuertingen, vicino a Stoccarda. “Stiamo andando nella direzione di un modello di agenzia”. A partire da giugno 2023, verranno apportate modifiche significative al regolamento di esenzione per categoria (BER) dell’Unione europea, che ha concesso esenzioni antitrust alle case automobilistiche consentendo loro di gestire reti in franchising dove possono dettare chi vende i loro prodotti e dove.

Stellantis, che ha 14 marchi tra cui Alfa Romeo, Fiat, Peugeot, Opel, Jeep ha emesso avvisi di risoluzione a tutti gli attuali concessionari di vendita e assistenza a giugno, ma i contratti rimarranno validi per altri due anni. La quarta casa automobilistica al mondo ha promesso più di 5 miliardi di euro in sinergie annuali e ha affermato che il 7% di queste sarà costituito da risparmi sulle operazioni di vendita e sulle spese generali.

La società non ha specificato all’epoca come sarebbero stati i contratti futuri, ma ha sottolineato che la decisione per un cambiamento è stata presa in previsione della crescita delle vendite online e di nuovi attori di mercato come le piattaforme di e-commerce. Non è ancora noto se questo processo porterà a una riduzione della rete di Stellantis in Europa. Stellantis ha dichiarato a maggio che la ristrutturazione della rete non coinvolgerà i concessionari del marchio di lusso Maserati e quelli negli Stati Uniti, sede di alcuni dei marchi più famosi del gruppo come Ram e Dodge.

Ti potrebbe interessare: Alfa Romeo Giulietta: ecco perchè dovrebbe tornare

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!