in

Supercar elettriche: motori più efficienti e peso sotto controllo

Aziende come YASA permettono di progettare modelli elettrici performanti

Sul mercato ormai è possibile trovare già diverse supercar e hypercar completamente elettriche. Le cose automobilistiche cercano di spingere i limiti delle prestazioni verso nuovi livelli, affidandosi a piccoli specialisti di veicoli elettrici.

Uno di questi è YASA, azienda britannica che recentemente è stata acquistata da Daimler. YASA fornisce già propulsori a Ferrari, Koenigsegg e un’azienda britannica produttrice di supercar che al momento è sconosciuta e presto metterà a disposizione i suoi motori elettrici a Mercedes-AMG.

Ferrari SF90 Stradale Assetto Fiorano
Ferrari SF90 Stradale, la prima supercar ibrida plug-in del cavallino rampante

Supercar elettriche: i produttori di vetture estreme cercano di usare solo motori elettrici efficienti e materiali leggeri per ridurre il peso

Il motore elettrico a flusso assiale sviluppato da YASA ha dimensioni simili a un volante e presenta una forma piatta, il che significa che è anche più leggero ed efficiente rispetto ai propulsori a flusso radiale più diffusi. Inoltre, il motore sviluppato da YASA è raffreddato ad olio e viene già utilizzato sulle Ferrari SF90 Stradale e 296 GTB.

Anche il produttore di propulsori britannico Saietta ha sviluppato delle proprie unità a flusso assiale raffreddate ad acqua e le produrrà per il mercato motociclistico asiatico. Nel corso di una recente intervista a Reuters, Graham Lenden – Chief Commercial Officer di Saietta – ha dichiarato che le case automobilistiche hanno bisogno di aiuto quando si tratta di powertrain elettrici.

YASA mira a ridurre i costi del suo motore elettrico a flusso assiale in modo che Daimler possa utilizzarli per la sua intera gamma di auto. A parte il propulsore elettrico, i produttori di supercar e hypercar devono fare i conti con un altro aspetto importante: il peso.

Sono alla ricerca di soluzioni per poter ridurre i kg dei pesanti pacchi batterie e a compensare usando materiali più leggeri. Ad esempio, la performante Rimac Nevera a zero emissioni dispone di carrozzeria e telaio realizzati in fibra di carbonio e le batterie fanno parte della struttura mentre la piattaforma della Lotus Evija usa leghe leggere di alluminio per ridurre il peso.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento