in

Stellantis scippa due stabilimenti a Opel?

Un portavoce di Stellantis in Germania avrebbe rivelato che il gruppo intende togliere i due stabilimenti di Russelsheim e Eisenach a Opel

Stellantis

Stellantis, proprietario di Opel, sta valutando la scissione del più grande stabilimento della casa automobilistica tedesca e un secondo stabilimento, che chiuderà temporaneamente la prossima settimana a causa della carenza di chip. Lo ha detto giovedì un portavoce della società. I due stabilimenti, situati a Russelsheim ed Eisenach nella Germania centrale, non farebbero più parte di Opel Automobile GmbH ma rimarrebbero collegati a Stellantis, ha detto un portavoce dell’azienda, aggiungendo che sono in corso colloqui con i sindacati sul potenziale piano.

“I vantaggi associati a questa organizzazione più efficiente e flessibile dovrebbero contribuire a garantire posti di lavoro a lungo termine”, ha detto il portavoce a Reuters. La notizia, riportata per prima dal quotidiano tedesco Handelsblatt, arriva dopo che i sindacati hanno espresso la preoccupazione che lo stabilimento di Eisenach possa essere chiuso definitivamente dopo che la società ha dichiarato che sarebbe stato chiuso per tre mesi a causa della carenza globale di chip.

Giovedì i lavoratori dello stabilimento hanno accusato Stellantis di aver sfruttato il piano di licenza della Germania per spostare la produzione fuori dal paese. I funzionari sindacali temono che Opel, che è vincolata da un accordo stipulato lo scorso anno per non licenziare alcun lavoratore in Germania fino al 2025, metta in congedo i lavoratori dello stabilimento di Eisenach come soluzione temporanea che potrebbe evolvere in una chiusura a lungo termine.

Fino a quando la chiusura non verrà revocata, il modello Grandland X prodotto a Eisenach sarà realizzato nello stabilimento dell’azienda a Sochaux in Francia, ma i lavoratori di Eisenach temono che verrà trasferito lì in modo permanente. “Non permetteremo che ci venga fatto questo”, ha scritto il capo del consiglio dei lavoratori locali Uwe Loesche in una dichiarazione pubblicata giovedì sul sito web del sindacato IG Metall.

Due sindacati in Francia la scorsa settimana hanno emesso una critica simile all’uso da parte di Stellantis del programma di congedo, sostenendo che l’azienda stava usando la carenza di chip come scusa per licenziare un numero sproporzionato di persone. “L’industria automobilistica globale si trova in una situazione eccezionale a causa della pandemia in corso e della carenza globale di semiconduttori”, ha affermato Stellantis in una dichiarazione inviata via e-mail a Reuters quando gli è stato chiesto delle preoccupazioni del sindacato.

“La produzione a Eisenach dovrebbe riprendere all’inizio del 2022, a condizione che la situazione della catena di approvvigionamento lo consenta”. L’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, insieme ad altri capi di case automobilistiche ed esperti del settore, prevede che la crisi dei chip continuerà anche nel 2022.

Gli analisti hanno affermato che la società, che è la quarta casa automobilistica al mondo, ha un problema di sovraccapacità che potrebbe portare alla chiusura degli impianti, sebbene il CEO Tavares abbia promesso che i suoi sforzi per invertire i profitti di Opel non comporteranno la chiusura degli stabilimenti.

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento