in

Ferrari, Mattia Binotto: ‘Chi provoca danni dovrebbe pagare’

Dichiarazioni simili sono state rilasciate anche dal team principal della Red Bull

Mattia Binotto Christian Horner
Mattia Binotto e Christian Horner

I team principal delle scuderie Ferrari e Red Bull hanno dichiarato che i rivali responsabili dei danni alle loro monoposto dovrebbero essere tenuti a risarcire i danni.

Mattia Binotto si è un po’ arrabbiato sul fatto che Charles Leclerc fosse stato eliminato da Lance Stroll alla guida di una delle Aston Martin, da una posizione molto importante in cui avrebbe potuto potenzialmente conquistare un posto sul podio. Dichiarazioni simili sono arrivate anche dal paddock della Red Bull da quando Lewis Hamilton è andato a finire contro Max Verstappen al Gran Premio di Gran Bretagna.

Ferrari: i piloti che provocano danni dovrebbero assumersi la responsabilità di pagare

Penso che si debba discutere in un prossimo futuro con gli altri team principal, FIA e F1. Ovviamente, se non sei colpevole, avere un tale danno nel budget cap è qualcosa che è ancora più di una conseguenza ora. Dovremmo aggiungere eccezioni? Non sono sicuro che sia la soluzione. Penso che possa essere molto difficile essere sorvegliati. Ma penso che quello che possiamo considerare è che se un pilota sbaglia, la scuderia del pilota dovrebbe pagare per i danni e le riparazioni. Ciò renderà i piloti più responsabili“, ha detto Binotto ad AutoSport.

Il limite di budget ha reso le cose particolarmente difficili per le tre grandi scuderie in quanto devono pagare per le riparazioni o la sostituzione di parti fuori dal limite. Nel caso della Red Bull, il danno al motore potrebbe anche causare penalità in griglia se dovesse sostituirlo più di tre volte nella stagione.

I meccanici hanno fatto miracoli per far funzionare la monoposto di Verstappen. Max ha corso con mezza vettura – mancava l’intero lato destro del bargeboard. È stato brutto per noi, ma penso che la squadra abbia fatto bene a riportare la vettura in pista. Max ha lottato per quel punto e quello potrebbe rivelarsi molto importante alla fine dell’anno“, ha detto Christian Horner a Sky F1.

Da parte sua, il team Mercedes-AMG Petronas F1 si è preso la colpa e Toto Wolff, secondo Nico Rosberg, sarebbe andato addirittura a scusarsi con Horner, anche che non sarebbero state accettate. Valtteri Bottas si è scontrato con Lando Norris e Sergio Perez. Norris, a sua volta, si è scontrato con Verstappen che ha guidato l’intera gara senza bargeboard. Questo ha penalizzato la sua monoposto ed è riuscito a malapena a prendersi il nono posto mentre Lewis Hamilton è arrivato terzo.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento