in

Stellantis Belvidere chiuso per tutto giugno

Dopo lo stop di 2 settimane annunciato nei giorni scorsi lo stabilimento di Belvidere annuncia che rimarrà chiuso per tutto il mese di giugno

Stellantis Belvidere
Stellantis Belvidere

Dopo mesi di apertura e chiusura, lo stabilimento di assemblaggio di Belvidere, di proprietà del gruppo Stellantis, verrà temporaneamente chiuso di nuovo a causa della carenza globale di microchip. Un portavoce dell’azienda afferma che l’impianto chiuderà fino al 28 giugno, la settimana del 28 giugno era già una settimana pianificata per la chiusura temporanea dell’impianto. Stellantis in precedenza aveva detto che avrebbe chiuso l’impianto per due settimane a partire dal 7 giugno, questa è un’estensione di quella chiusura pianificata.

Stellantis: di nuovo stop per Belvidere

“Stellantis continua a lavorare a stretto contatto con i nostri fornitori per mitigare gli impatti sulla produzione causati dai vari problemi della catena di approvvigionamento che devono affrontare il nostro settore. A causa della carenza globale di microchip senza precedenti, la produzione presso lo stabilimento di assemblaggio di Belvidere diminuirà per il resto di giugno con la settimana del 28 giugno come una settimana di inattività precedentemente programmata”, ha dichiarato Jodi Tinson, portavoce del gruppo automobilistico.

L’impianto ha riaperto martedì 1 giugno dopo essere stato chiuso dal 29 marzo a causa della carenza di semiconduttori. Inizialmente l’impianto avrebbe dovuto riaprire a metà aprile, ma la sua riapertura è stata poi posticipata alla fine di aprile. La fine di aprile successivamente è diventata la seconda metà di maggio, che poi è diventata 1 giugno.

L’impianto è già passato da tre a due turni, una mossa che potrebbe portare al licenziamento definitivo di 1.641 dipendenti a luglio. La carenza globale di microchip ha causato la prima chiusura temporanea dell’impianto a febbraio.

A gennaio, la CNN ha riferito che le case automobilistiche di tutto il mondo stanno affrontando una carenza di semiconduttori, che vengono utilizzati in un numero crescente di applicazioni, inclusi i sistemi di assistenza alla guida e il controllo della navigazione. L’auto media ha tra 50 e 150 chip. All’inizio di marzo, lo stabilimento ha annunciato il licenziamento di 150 dipendenti per “riallineare la produzione per soddisfare la domanda globale di Jeep Cherokee”.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento