in

Fiat Chrysler: Class Action per consumo anomalo di olio

Una nuova Class Action è stata depositata in Canada contro Fiat Chrysler: alcuni veicoli presenterebbero consumi di olio anomali

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Una causa per consumo di olio contro Fiat Chrysler in Canada sostiene che i motori 2.4L MultiAir Tigershark sarebbero stati difettosi nei seguenti veicoli Chrysler, Dodge, Fiat, Jeep e Ram: 2015-2017 Chrysler 200, 2013-2016 Dodge Dart, 2014-2020 Jeep Cherokee, 2015-2020 Jeep Renegade, 2015-2020 Ram ProMaster City, 2017-2020 Jeep Compass, 2016-2020 Fiat 500X, 2017-2020 Fiat Toro.

Il presunto consumo anomalo ed eccessivo di olio avrebbe danneggiato i componenti del motore Tigershark che più volte avrebbero subito guasti, bloccando gli occupanti delle suddette auto sui bordi della strada. I motori presumibilmente si sarebbero bloccati nei veicoli venduti da Fiat Chrysler in Canada a causa di problemi con i pistoni e le fasce elastiche. Secondo la class action, la parete laterale superiore di ciascun pistone contiene fasce elastiche che impediscono all’olio motore di entrare nella camera di combustione ottimizzando la compressione.

Ma la causa sostiene che l’olio fuoriesce oltre le fasce elastiche del pistone di controllo dell’olio e nelle aree di combustione. L’accusa sostiene che ciò è causato dal modo in cui le fasce elastiche funzionano con i cilindri. Le fasce elastiche presumibilmente non richiedono manutenzione e dovrebbero durare per tutta la vita del veicolo, ma invece le fasce elastiche Tigershark presumibilmente si consumano e consentono il consumo di olio durante il ciclo di compressione.

Ciò lascerebbe il motore senza olio sufficiente per lubrificare correttamente i componenti Tigershark, causando un guasto completo del motore. La class action contro Fiat Chrysler Canada afferma che i veicoli utilizzano funzionalità per spegnere i motori Tigershark quando viene rilevata una bassa pressione dell’olio. L’attore sostiene che un conducente si troverà improvvisamente di fronte a un veicolo che perde rapidamente velocità durante la guida, e presumibilmente tutto senza preavviso.

Inoltre, i veicoli avrebbero un valore più basso di quanto stimato poiché i problemi ai motori Tigershark presumibilmente accorciano la durata della vita dei veicoli. Secondo la causa canadese sul consumo di olio, i veicoli sono dotati di sistemi di allarme che presumibilmente non fanno nulla per avvisare i conducenti di bassi livelli di olio.

Il sistema di indicatore del cambio dell’olio è un dispositivo basato su software che presumibilmente informa i conducenti quando è necessario cambiare l’olio. Tuttavia, la causa sostiene che il sistema non avvisa i conducenti di bassi livelli di olio o perdite di olio, anche quando i livelli dell’olio sono pericolosamente bassi. Il querelante afferma che ciò significa che il veicolo si spegnerà automaticamente prima ancora che il sistema di indicazione dell’olio si attivi.

I proprietari di veicoli di Fiat Chrysler dovrebbero affrontare enormi costi di riparazione per mantenere i veicoli e fornire una fornitura costante di olio per evitare che i motori si brucino. La causa per il consumo di petrolio di Chrysler Canada è stata depositata presso la Corte Superiore di Giustizia dell’Ontario: Dana Hollett, v. FCA Canada Inc., et all. L’attore è rappresentato da McKenzie Lake Lawyers.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento