in

Stellantis: proteste a Rüsselsheim contro i tagli di posti di lavoro

IG Metall sindacato dei dipendenti di Opel in Germania protesta contro i tagli decisi da Stellantis allo stabilimento di Russelsheim

Opel Russelsheim
Opel Russelsheim

Oggi pomeriggio, i lavoratori di Opel manifesteranno a Rüsselsheim contro i tagli di posti di lavoro in corso e l’aumento massiccio della pressione sul lavoro. IG Metall ha chiesto un raduno dopo la fine del turno. Al momento, una parte della forza lavoro sta lavorando sotto forte pressione, mentre un’altra parte continua a lavorare a tempo ridotto. Opel fanno parte del nuovo gigante automobilistico Stellantis da gennaio.

Proteste in Germania contro Stellantis

Stellantis sta convertendo la produzione di auto puntando su mobilità elettrica e guida digitale e riducendo i costi al fine di mantenere la sua posizione di quarto gruppo automobilistico in termini di vendite sul competitivo mercato mondiale. Ciò va di pari passo con la distruzione di migliaia di posti di lavoro. Alla fusione di gennaio, il capo del PSA Carlos Tavares ha annunciato: “Dal primo giorno ci concentreremo sull’utilizzo delle sinergie e sull’aumento della nostra competitività”.

Come uno dei primi passi, Stellantis ha messo fine all’intera rete di rivenditori autorizzati e ha risolto tutti gli accordi di distribuzione europei il 31 maggio. Solo i concessionari Opel, Fiat, Peugeot o Vauxhall che riceveranno una cosiddetta lettera di intenti entro metà luglio continueranno a ricevere forniture, a condizioni più rigorose.

Ogni anno si devono risparmiare cinque miliardi di costi e nessun lavoro è più sicuro. In Opel, IG Metall ha concordato con il management di eliminare 2.100 posti di lavoro entro la fine dell’anno e altri 2.000 posti di lavoro entro la fine del decennio. Ciò significa che dei 19.000 dipendenti che ancora lavoravano negli stabilimenti Opel quando PSA è subentrata nel 2017, ne rimarranno solo 8.100, ovvero nemmeno la metà.

È stato detto che i tagli di 2.100 posti di lavoro dovrebbero essere effettuati “volontariamente” attraverso pagamenti di fine rapporto e pensionamento anticipato. Ma in condizioni di pandemia, solo 500 dipendenti si sono detti disposti a rinunciare al loro lavoro “volontariamente”. Ecco perché il consiglio di amministrazione e IG Metall hanno avviato una società di trasferimento, che può essere intesa solo come preludio ai licenziamenti per motivi operativi. Ciò è certo che le dimensioni del sito di Rüsselsheim saranno notevolmente ridotte. Vedremo dunque come si evolverà la situazione per Stellantis a Russelsheim.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento