in

Stellantis vuol fare innamorare i brasiliani di Peugeot e Citroen

Stellantis vuole migliorare le prestazioni dei marchi Peugeot e Citroën in Brasile

Peugeot e Citroen
Peugeot e Citroen

Stellantis non ha attraversato indenne la crisi globale causata dal Covid-19. La casa automobilistica ha risentito dell’impatto della mancanza di semiconduttori – parti importanti per auto sempre più tecnologiche – e ha mostrato nel suo bilancio di essere riuscita a produrre l’11% in meno di quanto previsto per il trimestre terminato a marzo. Inoltre, ovviamente, la domanda di veicoli non è la stessa di qualche anno fa. Ma la società di nuova costituzione ha una grande sfida al di là di Covid: migliorare le prestazioni dei marchi Peugeot e Citroën in Brasile.

All’inizio di quest’anno, FCA e PSA hanno completato la fusione che ha dato origine a Stellantis, una società che ha sotto il suo ombrello potenti marchi come Fiat, Jeep, Alfa Romeo e le francesi Peugeot e Citroën. Da aprile 2018, a guidare la FCA in Sud America è l’italiano Antonio Filosa. È stato uno dei leader del movimento di ammodernamento Fiat, che è riuscito a recuperare la sua fase positiva e oggi detiene oltre il 20% del mercato brasiliano.

Ora, la sfida sembra un po’ più grande: ha tra le mani Peugeot e Citroën, due marchi lontani dalle loro migliori prestazioni in Brasile. Citroën è riuscita ad inserire solo un’auto nella lista dei 50 best seller in Brasile nel 2020. La C4 Cactus è stata il 48 ° best seller del paese. Peugeot invece non è riuscito a portare alcun modello in quella lista.

Nel frattempo, i marchi “cugini” si comportano molto meglio: Fiat ha piazzato otto modelli nella top 50 – quattro di loro sono nella top 10, con Strada che è leader dopo quattro mesi di vendite. Jeep, che ha un portafoglio più piccolo, ha due modelli nell’elenco. L’andamento delle vendite è un potente indicatore della percezione del marchio da parte dei consumatori. Oggi, Peugeot e Citroën insieme detengono una quota di mercato inferiore al 2% nel mercato brasiliano.

Ma non si può negare che in queste case francesi c’è molto potenziale. In Europa, le prestazioni di Peugeot sono molto diverse. Il marchio è il quarto più grande in quel mercato, considerato il più competitivo al mondo. Lì, il marchio francese è secondo solo a Volkswagen, Renault e Ford nelle vendite. In un’intervista, Antonio Filosa ha affermato che “non c’è motivo per non recuperare la passione dei brasiliani per i marchi Peugeot e Citroën”. Ha garantito che i marchi cresceranno in quota di mercato nello scenario nazionale e ha mostrato fiducia nella forza dei prodotti.

Looks like you have blocked notifications!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI