in

Charles Leclerc: “si poteva fare di più, è colpa mia”

Animato da una concreta sincerità, Charles Leclerc ha fornito il suo punto di vista al termine del Gran Premio del Portogallo

La volontà di dare adito alle ambizioni da terza forza è venuta un po’ meno in questo weekend di Portimao, almeno quando si guarda alla Ferrari. Sicuramente ci si aspettava di più dal Gran Premio del Portogallo destinato alla Scuderia di Maranello, ma Charles Leclerc ha concluso in sesta piazza e Carlos Sainz, in lotta con problemi alle gomme, in undicesima.

C’è quindi una concreta delusione nelle parole di Charles Leclerc che ha impressionato davvero poco quest’oggi a Portimao. Il monegasco si è infatti reso protagonista solamente di due sorpassi, di cui uno ai danni del compagno di squadra, ma porta comunque a casa un piccolo bottino di punti: pari a otto per la precisione.

Emerge che la McLaren, in accordo col talento cristallino di Lando Norris, è ancora davanti alla SF21 di Maranello e ambisce anch’essa a una terza piazza stabile in campionato. Pensare di dare del filo da torcere a Mercedes e Red Bull non è nei piani della Ferrari, ma a Portimao si poteva ambire a qualche cosa di più.

Incognita pneumatici

C’è da ammetter che oggi Charles Leclerc è apparso poco protagonista del Gran Premio del Portogallo. Al termine dell’appuntamento di Portimao, ai microfoni di Sky Sport F1, Charles ha ammesso le problematiche derivanti dalla scelta degli pneumatici: “sento di aver fatto una pessima scelta oggi. Penso che abbiamo preso una grande decisione di andare sulle gomme dure, ma abbiamo faticato con la media, sia io che Carlos: io nel primo stint e lui nel secondo. Abbiamo avuto un sacco di graining subito e abbiamo lottato con le gomme. Non ho spiegazioni: sulla carta sembrava una scelta molto buona, ma in gara abbiamo faticato. In definitiva, la sesta posizione era il meglio che potessi ottenere, considerando dove partivo. Poi, però, se guardo l’intero fine settimana non ho fatto un grande lavoro come pilota: nelle prove libere e nelle qualifiche non ho estratto il massimo dalla macchina perché non ero costante. Dall’ottavo posto non c’era molto di meglio che potessimo fare, ma guardando il fine settimana avremmo potuto fare un lavoro migliore”.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Si è quindi espresso con grande sincerità Charles Leclerc, aggiungendo che probabilmente oggi non è stato un weekend che lo ha visto nella forma migliore: “non sono stato bravo questo weekend. Però devo dire che sono contento di come ho guidato in gara. Ma ho dovuto recuperare quello che non ho fatto ieri e questo è colpa mia. Se guardiamo la gara di oggi sono contento, non potevo fare di più. Ma se non siamo quinti oggi è anche colpa mia: peccato perché avevamo il potenziale per farcela. Quello che però dobbiamo capire soprattutto è quello che è successo con queste medie, io non l’ho ancora capito. Onestamente su questa pista con questo vento abbiamo fatto fatica tutto il weekend, non credo solo noi come Ferrari, a seguire i piloti davanti. Quando hai lo stesso passo della McLaren appena ti avvicini a meno di un secondo posto e mezzo inizi a perdere qualche decimo e a fare fatica. Secondo me è per quello che non ce l’abbiamo fatta a sorpassare oggi”. Insomma, le aree di intervento sulle quali ragionare in relazione allo sviluppo della SF21 sono già ben chiare.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Lascia un commento