in

I federali arrestano un importante venditore di Fiat Chrysler

I procuratori federali venerdì hanno accusato uno dei principali venditori di Fiat Chrysler Automobiles in USA di frode

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

I procuratori federali venerdì hanno accusato uno dei principali venditori di Fiat Chrysler Automobiles in USA di aver aiutato a orchestrare una cospirazione per frode telefonica che è costata alla casa automobilistica $ 8,7 milioni.

Fiat Chrysler USA: uno dei suoi principali rivenditori accusato di frode

Il venditore di Parkway Chrysler Dodge Jeep Ram Apollon “Apollo” Nimo, 34 anni, di Macomb Township è stato accusato di frode e cospirazione per commettere frode per presunta orchestrazione di una truffa che ha riguardato la vendita illegale di sconti per dipendenti ad acquirenti non qualificati. È stato arrestato venerdì e nel tardo pomeriggio ha fatto una prima apparizione in un tribunale federale per affrontare le accuse che potrebbero mandarlo in prigione fino a 20 anni.

Una denuncia penale descrive un vasto mercato nero che coinvolge broker che spacciavano numeri di dipendenti per ottenere sconti a venditori che si collegavano con acquirenti in gruppi privati ​​di Facebook.

“I rappresentanti di Fiat Chrysler mi hanno informato che continuano a ricevere informazioni che indicano che l’uso fraudolento di (numero di dipendenti) da parte di Nimo continua fino ai giorni nostri”, ha scritto l’agente speciale per le indagini sulla sicurezza nazionale Joseph Kunnummyalil in una dichiarazione giurata depositata presso la corte federale. Lo schema criminale descritto fa riferimento all’utilizzo di nomi e numeri di dipendenti per ottenere sconti in maniera fraudolenta.

Il programma offre ai dipendenti e ai parenti di Fiat Chrysler uno sconto del 5% sui veicoli e i pubblici ministeri affermano che la maggior parte delle vendite di Nimo sono state effettuate nell’ambito del programma Employee Purchase Control Number. Secondo il reclamo, è stato il principale venditore del programma a livello nazionale durante i periodi di vendita nel 2018 e nel 2019.

Fiat Chrysler US si impegna a preservare l’integrità dei nostri programmi di acquisto dei dipendenti e sta collaborando con l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti”, ha detto in una nota il portavoce Shawn Morgan. “Ricordiamo che i concessionari sono imprese indipendenti e sono gli unici responsabili della loro condotta e delle loro operazioni. Poiché la questione è in corso, non possiamo discuterne ulteriormente in questo momento. “

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento