in

Addio Fiat Chrysler: ecco per cosa sarà ricordata negli USA

Dopo 6 anni finisce l’era di Fiat Chrysler: ecco cosa ricorderanno gli americani del gruppo italo americnao nel bene e nel male

Fiat Chrysler

Nell’ottobre del 2014, il fantasma post-recessione di Chrysler si è fuso con Fiat SpA per formare quella che allora era l’ottava casa automobilistica più grande del mondo. Sebbene minuscola, la neo-battezzata Fiat Chrysler Automobiles (FCA) grazie ai marchi Jeep e Ram è riuscita a cavalcare la moda crescente di pickup e SUV e avvicinarsi ai suoi rivali di Detroit Ford e General Motors. Questo ha posto le basi per la fusione di FCA nel 2021 con il conglomerato europeo Groupe PSA e di formare Stellantis, rendendola ora la quarta casa automobilistica più grande del mondo.

Sebbene sia esistito per un breve periodo di sei anni e sia cambiato, Fiat Chrysler ha avuto tutto il tempo per lasciare impressioni durevoli sia nel bene che nel male. Diamo un’occhiata ad entrambe, partendo dai motivi per cui preferiremmo ricordarlo: i veicoli che fanno sorridere le persone.

In generale, le ammiraglie di FCA sono migliorate a passi da gigante nei modi che contano di più per i loro acquirenti. Mentre Jeep Wrangler che diventa ibrido è senza dubbio significativo, non è così entusiasmante per i clienti come la disponibilità di alimentazione diesel per la prima volta nella storia del mercato americano e il ritorno dell’opzione V8 dopo 40 anni. Meglio ancora, queste scelte sembrano ripercussioni semplicissime per il pick-up generato da Wrangler, il Gladiator, che nonostante il suo successo non è ancora il punto più alto per i pikcup dell’era FCA.

No, quell’onore appartiene alla gamma crescente di Ram, che sono più grandi, più snelli, più lussuosi e più capaci che mai. E, naturalmente, più potente, con il TRX da 702 cavalli che cattura i titoli non solo per la sua potenza, ma anche per la sua capacità di sopportare salti degni di Hollywood. Tale tempo di trasmissione non sarebbe possibile senza il sovralimentato V8 da 6,2 litri del TRX, il cui nome è uno dei più evocativi nell’industria automobilistica di oggi: Hellcat.

Questo motore da oltre 700 cavalli alimenta una gamma in continua crescita di veicoli incredibilmente veloci, dai dumper familiari a grandezza naturale come Jeep Grand Cherokee Trackhawk e Dodge Durango SRT Hellcat, alle muscle car di Dodge, il Charger e il Challenger, alcuni dei quali hanno eclissato 800 cavalli . Eppure, nonostante si concentri sullo sfornare fantastici giocattoli per adulti come questi, FCA ha dimostrato di non aver dimenticato come essere ragionevole: la sua Chrysler Pacifica fissa il gold standard dei minivan fino ad oggi.

Passando alle cose negative che gli americani ricorderanno a proposito di Fiat Chrysler, Purtroppo, la Pacifica è anche l’ultima stella splendente della gamma Chrysler. Dalla fine del 200, l’unica altra auto del marchio americano oltre alla Pacifica è stata la vecchia 300C, una berlina che, sebbene legata alla Charger ancora forte sul mercato, non ha ricevuto una minima cura come negli ultimi tempi. Certamente, ci sono solo tante ragioni per investire nell’architettura invecchiata della 300C, la cui discendenza può essere fatta risalire ai giorni Daimler-Chrysler.

Chrysler non è nemmeno l’unico (ex) marchio FCA in difficoltà. La leggendaria Lancia è stata ridotta a vendere una sola auto nel suo mercato nazionale italiano, Maserati e Alfa Romeo sotto l’era FCA non sono riuscite a tornare ai loro splendori.

Anche i successi travolgenti di FCA hanno avuto un prezzo. Il suddetto Wrangler è ancora ritenuto non molto sicuro come testimoniano i crash test. Inoltre sebbene redditizi, i SUV e i pickup hanno gonfiato le medie delle emissioni della flotta di FCA al punto che il gruppo ha avuto bisogno di acquistare crediti di emissioni da Tesla. E se ciò non bastasse, anche la mitica Dodge Viper è scomparsa.

Ti potrebbe interessare: Marie-Guite Dufay accoglie con favore la fusione tra PSA e FCA ma chiede “impegni” a Carlos Tavares

Looks like you have blocked notifications!

Lascia un commento