in

Stellantis conferma gli investimenti in Brasile nonostante la pandemia

Previste diverse novità molto interessanti fra cui l’arrivo del Ram 1500 entro fine anno

Stellantis investimenti Brasile

Nonostante le complicazioni e le riduzioni dei costi generate dal coronavirus, diversi produttori di veicoli operanti in Brasile ha mantenuto, ripreso o pianificato nuovi programmi di investimento da attuare nel grande paese sudamericano.

Secondo un’indagine condotta da Automotive Business, tra il 2017 e il 2025, gli investimenti delle case automobilistiche già effettuati e da effettuare ammontano a quasi 44 miliardi di R$ (6,6 miliardi di euro). Se si considerano soltanto gli investimenti pianificati dal 2021 in poi, abbiamo poco più di 32 miliardi di R$ (4,8 miliardi di euro).

Nuovo Fiat Strada Freedom
Nuovo Fiat Strada

Stellantis: il gruppo automobilistico ha confermato gli investimenti per il mercato brasiliano

Gli investimenti previsti si dividono tra sviluppo e lancio di nuovi veicoli e motori, contestualmente all’ammodernamento degli stabilimenti per aumentare la produttività. Una parte di questi contributi è beneficiata dalla riduzione delle tasse sostenuta da politiche settoriali e regionali per stimolare l’industria.

Fra le varie case automobilistiche operanti nel mercato brasiliano c’è anche Stellantis. L’annuncio dell’investimento in Brasile è stato fatto da FCA nel 2018. Inizialmente sarebbero stati investiti 14 miliardi di R$ (2,1 miliardi di euro) dal 2019 al 2024. A causa della pandemia, però, il piano è stato posticipato al 2025 e il valore è aumentato a causa della svalutazione del Real brasiliano.

Fiat Toro 2022
Fiat Toro 2022

Le risorse, divise tra Betim (MG) e Goiana (PE), corrispondono a 12 lanci di cui tre SUV (due Fiat e una Jeep) che saranno lanciati nel 2021 e all’inizio del 2022. Oltre ad una Jeep a sette posti dedicata esclusivamente al mercato brasiliano, la gamma include anche due pick-up: il nuovo Fiat Strada svelato nel 2020 e il Ram 1500 che arriverà entro la fine di quest’anno, importato dagli Stati Uniti. In programma anche quattro restyling di veicoli già presenti sul mercato brasiliano e tre modelli che saranno completamente rinnovati usando nuove piattaforme, design e tecnologie.

Nel programma di investimenti fa parte anche lo sviluppo dei nuovi motori GSE Turbo nello stabilimento di Betim, che dal 2019 ha ricevuto un investimento di 500 milioni di R$ (75 milioni di euro). Il sito ha iniziato la produzione a marzo 2021 con una capacità iniziale di 100.000 unità/anno. In una prima fase è iniziata la produzione del quattro cilindri T4 da 1.3 litri con potenza di 180 CV.

Nuova Citroën C3 ultime foto spia
Nuova Citroën C3

Sempre nel corso di quest’anno è partita la produzione del tre cilindri T3 1.0 da 125 CV. Entrambi i powertrain e il cambio automatico Aisin a 6 marce saranno utilizzati in diversi modelli Fiat e Jeep che arriveranno entro la fine di quest’anno e nel corso del 2022.

Prima della fusione con FCA, PSA ha annunciato nel 2019 investimenti pari a 220 milioni di R$ (33 milioni di euro) nello stabilimento di Porto Real (RJ) per avviare la produzione quest’anno di vetture Peugeot e Citroën basate sulla piattaforma CMP.

All’inizio di quest’anno, Stellantis ha confermato l’investimento in questione. La prima vettura basata sulla nuova piattaforma sarà la prossima generazione della Citroën C3 la cui produzione partirà a settembre 2021 con sospensioni sollevate e un look da SUV.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento