in

Alfa Romeo Giulia Coupé: meglio la denominazione Sprint o la sigla GTV?

Stando alle numerose indiscrezioni, sarà rispolverata una delle due denominazioni storiche.

Alfa Romeo Giulia Coupé

La nuova Alfa Romeo Giulia Coupé è molto attesa dagli ‘Alfisti’ di tutto il mondo, dato che la sportiva versione Quadrifoglio, stando alle indiscrezioni, è già accreditata della potenza di 650 CV. Anche per questa declinazione è molto probabile l’utilizzo di una denominazione storica, come Sprint o GTV ed entrambe dividono già adesso gli estimatori del Biscione tra favorevoli e contrari.

La denominazione Sprint è stata introdotta nel 1951 con la variante coupé della Alfa Romeo 1900, quindi sarebbe la candidata ideale per identificare la nuova Alfa Romeo Giulia Coupé, soprattutto per meriti di ‘anzianità’. Inoltre, è stata utilizzata in altre occasioni, con la Giulietta Sprint 1300 del 1954 prima e la Giulia Sprint 1600 del 1962 poi, nonché con la coupé 2000 Sprint del 1960 che, due anni più tardi, si è evoluta nel modello 2600 Sprint.

Alfa Romeo Giulia Coupé 2019 News

La diretta antenata della futura Alfa Romeo Giulia Coupé è la storica Giulia Sprint GT, introdotta nel 1963. Questo modello, tra l’altro, è stato il primo ad essere identificato dalla sigla GTV, in quanto fu proposto come Giulia Sprint GT Veloce nel 1965. Successivamente, è stato oggetto di due evoluzioni, vale a dire la Giulia GT Veloce del 1967 con il motore 1750 e la GT Veloce del 1971 con il propulsore 2000.

Nel 1976, invece, Alfa Romeo sfruttò la denominazione Sprint e la sigla GTV per due differenti coupé: la piccola Alfasud Sprint e la grande Alfetta GTV. Quest’ultima fu proposta solo come Alfa Romeo GTV dal 1981, mentre l’altra fu commercializzata solo come Alfa Romeo Sprint dal 1983, quando la berlina Alfasud fu sostituita dalla compatta Alfa 33.

Alfa Romeo Giulia Coupé Quadrifoglio a

Dopo l’ingresso di Alfa Romeo nel gruppo Fiat Auto (ora FCA), la sigla GTV è stata utilizzata per l’omonima variante coupé della moderna Alfa Romeo Spider a trazione anteriore, nota anche come modello 916 ed introdotta nel 1995. La denominazione Sprint, invece, ha identificato l’omonima versione speciale dell’attuale Alfa Romeo Giulietta, introdotta nel 2014 per celebrare il sessantesimo anniversario della storica coupé Giulietta Sprint.

Per coerenza con la versione più prestante della storica Giulia, la futura Alfa Romeo Giulia Coupé dovrebbe essere proposta come Giulia GTV, ma quest’ultima sigla è riconducibile maggiormente alla variante coupé della Alfetta o all’omonimo modello a trazione anteriore. Per rispetto della tradizione del Biscione, invece, sarebbe più logica la commercializzazione come Giulia Sprint. Una cosa è certa: fino al debutto, gli ‘Alfisti’ resteranno divisi e l’ardua scelta spetterà al management.