in

Stellantis: il sindacato francese chiede di non lasciare nessuno indietro a Douvrin

Il sindacato francese FO si preoccupa per il futuro dei lavoratori dello stabilimento Stellantis di Douvrin

Stellantis
Stellantis

Il segretario generale della Force Ouvrière, Yves Veyrier, e il segretario generale della federazione metallurgica FO Frédéric Homez erano a Douvrin, questo giovedì 31 marzo, per fornire il loro sostegno al sindacato FO di Française de Mécanique (gruppo PSA) mobilitato per il difesa dell’occupazione dopo l’annuncio, lo scorso febbraio, di un trasferimento di attività del gruppo Stellantis in Ungheria.

Al loro fianco c’erano anche il sindacato dipartimentale FO e il suo segretario, Jean Baptiste Konieczny, nonché il delegato dell’Unione centrale, Olivier Lefebvre, del gruppo PSA, ora Stellantis.

Le discussioni hanno ruotato intorno al futuro del settore automobilistico, che oggi pone molte incertezze e preoccupazioni di fronte ai vincoli e agli standard imposti dalla questione climatica. In effetti, lo stop al motore termico nel 2040, una scadenza che potrebbe essere avvicinata al 2030 a causa delle decisioni di diversi paesi, avrà un impatto considerevole sui posti di lavoro.

Laddove sono necessarie dieci persone per la costruzione di un motore termico, due sono necessarie per un motore elettrico. I dipendenti di Française de Mécanique, che produce motori da molti anni, sono preoccupati che i motori attualmente prodotti sul sito anche in vista della loro evoluzione verso motori ibridi, possano essere prodotto in Ungheria in futuro.

Anche il sindacato Force Ouvrière intende mobilitarsi per mantenere la produzione di un motore per il quale la decisione non è ancora definitiva, che allo stesso tempo consentirebbe di offrire prospettive per la conversione della produzione ai motori elettrici e altre attività correlate. (stazioni di ricarica, riciclaggio delle batterie, idrogeno, ecc.) implementando la formazione necessaria.

La principale richiesta di FO è di non lasciare nessuno indietro nel sito di Douvrin. Il sito di Stellantis aveva 6.000 dipendenti negli anni ’80, ma ora la forza lavoro è stata ridotta a 1.600 (compresi i lavoratori attivi e temporanei). L’età media dei dipendenti è di 47 anni.

Jean-Baptiste Konieczny, segretario generale dell’Unione dipartimentale del Pas-de-Calais ha annunciato una marcia che dovrebbe tenersi il 10 aprile (salvo limitazioni di salute) intorno al sito di PSA Douvrin. L’obiettivo di questa iniziativa è esercitare pressioni per preservare i posti di lavoro nella regione, per evitare la desertificazione delle aree di attività.

Nel pomeriggio, la delegazione FO ha incontrato la direzione di Stellantis e ha visitato il sito. L’opportunità di dimostrare che i dipendenti di PSA sono supportati dalla confederazione FO e dalla federazione FO di metallurgia. Yves Veyrier ha insistito sull’importanza della responsabilità del gruppo PSA e delle autorità pubbliche. È già intervenuto presso il ministro dell’Economia, delle Finanze e della ripresa: il piano di   ripresa pone l’obiettivo di ricollocare l’industria.

Ti potrebbe interessare: Elkann: Stellantis triplicherà le vendite di auto elettrificate nel 2021

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento