in

Nuovo Jeep Gladiator Mojave debutta ufficialmente in Messico

Ecco il primo veicolo del marchio americano ad avere il badge Desert Rated

Jeep Gladiator Mojave 2020

Jeep apre nuovi orizzonti per la guida in fuoristrada con il nuovo Jeep Gladiator Mojave, il primo veicolo del marchio ad essere classificato come Desert Rated. Questo badge rappresentata il massimo in termini di guida in off-road ad alta velocità e prestazioni estreme sulla sabbia o in ambienti desertici. Le capacità offerte dal nuovo Gladiator Mojave gli hanno permesso di superare alcuni test molto intensi.

Nelle scorse ore, la casa automobilistica americana ha annunciato di aver lanciato questo pick-up anche nel mercato messicano, portando con sé le nuove sospensioni Fox con ammortizzatori idraulici anteriori, ammortizzatori performance Fox con bypass interno da 2,5 pollici e con serbatoi esterni e molle uniche, un telaio rinforzato, un kit di sollevamento per le sospensioni anteriori da 2,54 cm con piastra paramotore color argento, degli assali più robusti con coperture dello sterzo in ghisa, dei sedili anteriori sportivi con rinforzi superiori, dei cerchi in alluminio in nero lucido da 17” e degli pneumatici off-road da 33”.

Jeep Gladiator Mojave 2020
Jeep Gladiator Mojave è ottimo sulla sabbia

Nuovo Jeep Gladiator Mojave: lo speciale pick-up arriva anche nel mercato messicano

Il Jeep Gladiator Mojave raggiunge un nuovo livello di capacità off-road grazie al rinnovato sistema Command-Trac 4×4, agli assali anteriore e posteriore Dana 44 e al differenziale posteriore con bloccaggio elettronico. Il sistema Command-Trac 4×4 viene utilizzato per permettere al pick-up di scalare dune di sabbia o superare altre sfide nell’aspro deserto. Rafforzano ulteriormente le capacità off-road dello speciale modello, gli angoli di attacco, dosso e uscita di 44,7°, 20,9° e 25,5° e l’altezza da terra di 29,4 cm.

Altre caratteristiche salienti proposte dal veicolo includono una capacità di traino fino a 2700 kg, una capacità di carico fino a 550 kg e diverse componenti della serie Jeep Performance Parts. Non manca la modalità di guida Off-Road Plus che consente ai conducenti di portare il Gladiator a un livello superiore quando si tratta di guidare. Con il semplice tocco di un pulsante, il guidatore può regolare acceleratore, punti di cambio marcia e controllo della trazione per massimizzare le prestazioni alle alte velocità sulla sabbia e per “strisciare” sulle rocce a basse velocità.

Jeep Gladiator Mojave 2020

Sotto il cofano del Jeep Gladiator Mojave si nasconde il motore Pentastar V6 da 3.6 litri abbinato alla tecnologia ESS, capace di sviluppare una potenza di 289 CV e 352 nm di coppia massima. Accanto al sei cilindri troviamo un cambio automatico a 8 rapporti. Entrando nell’abitacolo, il pick-up propone sedili anteriori più aggressivi con imbottiture integrate e rivestimento in pelle nera con cuciture arancioni e logo Mojave ricamato.

Il cruscotto è dotato di un display TFT a LED da 7 pollici dove è possibile visualizzare tantissime informazioni tra cui il monitoraggio della pressione degli pneumatici e la velocità corrente in numeri digitali. Sulla console centrale, invece, spicca il display touch da 8.4 pollici dove è possibile sfruttare tutte le modalità proposte dal sistema di infotainment Uconnect di quarta generazione.

Jeep Gladiator Mojave 2020

Non manca un potente impianto audio premium Alpine composto da nove altoparlanti, un subwoofer e un amplificatore a 12 canali da 552W, oltre a uno speaker Bluetooth portatile posizionato sotto il sedile posteriore. Una telecamera off-road disposta anteriormente permette di vedere gli ostacoli presenti sul terreno.

Arrivando ai prezzi, il nuovo Jeep Gladiator Mojave è disponibile in Messico a 1.265.900 pesos (51.349 euro) e si posiziona al di sopra delle varianti Overland (1.129.900 pesos – 45.833 euro) e Rubicon (1.228.900 pesos – 49.849 euro).

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento