in

Opel avvia la sua fabbrica per le batterie

Lo stabilimento Opel Spagna di Figueruelas, appartenente al gruppo Stellantis, ha avviato da questo mese la sua officina di assemblaggio di batterie

Opel
Opel

Lo stabilimento Opel Spagna di Figueruelas, appartenente al gruppo Stellantis, ha avviato da questo mese la sua officina di assemblaggio di batterie, che gli consentirà di svolgere operazioni nello stabilimento di Saragozza che fino ad ora venivano svolte in quelle dell’azienda stessa a Vigo. Circa ottanta persone stanno già lavorando nelle strutture allestite nello stabilimento di Saragozza, secondo fonti aziendali, anche se questo progetto genererà molti più posti di lavoro.

Lo stabilimento che Proma Hispania ha a Épila aumenterà la sua forza lavoro di “dozzine di lavoratori” per poter produrre i gusci per le batterie che verranno successivamente incorporati nelle unità di Opel Corsa nella loro versione elettrica.

In pieno dibattito politico sull’ubicazione di una fabbrica di batterie che il governo centrale ha annunciato che promuoverà con Iberdrola, Volkswagen e Seat, per la quale Aragón si è candidata, Stellantis ha precisato di avere i propri progetti specifici, promossi attraverso una ‘joint venture ‘firmata nel 2020 da PSA con Saft, filiale del gruppo Total. Si tratta di due fabbriche di batterie per auto elettriche che saranno situate a Douvrain (Francia) e Kaiserlautern (Germania) e dovrebbero essere operative nel 2023.

In attesa di quel momento, in Stellanits, gruppo nato dall’integrazione di PSA e FCA (Fiat Chrysler), continueranno ad importare dall’Asia – principalmente dalla Cina – le batterie che raggiungeranno le officine come quelle che ora stanno operando negli stabilimenti Figueruelas di Vigo.

Nello stabilimento Proma di Épila, da parte sua, stanno adattando gli impianti per la fabbricazione degli involucri delle batterie per Opel Corsa, un prodotto che lo stabilimento Stellantis di Figueruelas sta attualmente ricevendo dalla Francia. Fonti del produttore e del fornitore hanno confermato ieri che si aspettano che la fornitura di queste parti inizi ad aprile.

Con 170 dipendenti attualmente, Proma aumenterà la sua forza lavoro di “dozzine” di lavoratori. Fonti di questa azienda hanno indicato che stanno attualmente valutando quanti nuovi posti di lavoro diretti genereranno alla fine entrambi i progetti. I sindacati hanno apprezzato l’arrivo di contratti che garantiranno a lungo l’occupazione nello stabilimento di Épila, nonché la partecipazione di questo centro alla catena del valore dell’auto elettrica.

Ti potrebbe interessare: Opel: l’app permette di dialogare da remoto con il proprio veicolo elettrico e ibrido plug-in

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!

Clubalfa.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI

Lascia un commento